Boeing T-7A: test di spegnimento e riavvio del motore in volo per dimostrarne l’affidabilità

T-7A Red Hawk (foto: Boeing)

(Tempo di volo: 01′:30″)

Riavviare il motore di un jet militare in volo è una procedura di sicurezza critica che può essere dimostrata solo facendo qualcosa che un equipaggio vuole fare raramente: spegnere il motore per aria. E questo è ancora più scoraggiante soprattutto se l’aereo è un  monomotore. Eppure è un test che l’equipaggio di un jet militare Boeing T-7A trainer ha eseguito il 27 febbraio scorso a 20.000 piedi, sopra una zona di prova dell’Illinois, per poi planare l’aereo per 48 secondi prima di riavviare il motore (GE F404) e atterrare al sito Boeing di St. Louis.

La prova di riavvio in volo del motore richiede una grande preparazione, pianificazione e lavoro di squadra” ha detto il capo pilota del T-7A Steve Schmidt. “Si tratta di un test di tutti i sottosistemi, costruiti per il backup, nel caso in cui un pilota abbia dovuto spegnere il motore in caso di emergenza e accenderlo di nuovo.

Schmidt ha eseguito la prova assieme al pilota Boeing William Berryman. Il test è stato l’ultimo successo di un programma che va incontro a tappe importanti per il suo sviluppo. La società prevede di consegnare il primo T-7A Red Hawk per la U.S. Air Force nel 2023.

Questa è la testimonianza non solo per la fiducia che i nostri piloti hanno nell’affidabilità del velivolo T-7A, ma anche per il team che ha progettato e costruito questo nuovo aereo addestratore per l’Air Force” ha detto Chuck Dabundo,  vice presidente e responsabile del programma “T-7”.

Nel mese di settembre 2018, la U.S. Air Force ha assegnato a Boeing un contratto di9,2 miliardi dollari USA per fornire aerei T-7A Red Hawk e relativi simulatori di formazione. Progettato dalla Boeing e da Saab, il T-7A ha già accumulato più di 175 ore di volo in più di 160 voli di prova per il suo sviluppo.

(Fonte: Ufficio Stampa Boeing) Foto: Boeing

EdP-mb