Torna la campagna di raccolta fondi di Flying Angels Foundation per la sopravvivenza di bambini gravemente malati

Foto repertorio Flying Angels Foundation

(Tempo di lettura: 04′:20″)

Dall’1 al 15 novembre torna la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #salvALI di Flying Angels Foundation. Attraverso il sito www.salvali.org si potrà sostenere il Fondo Voli Sospesi, per garantire miglia di emergenza e possibilità di sopravvivenza a tanti bambini gravemente malati in tutto il mondo che non possono essere curati nel loro paese
La campagna ha il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ENAC e Assaeroporti

Genova – Dall’1 al 15 novembre torna la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi #salvALI, a sostegno del Fondo Voli Sospesi di Flying Angels Foundation (www.flyingangelsfoundation.org). Garantire miglia di emergenza per assicurare tempestivamente il trasporto aereo di bambini gravemente malati, che non possono essere curati nel loro paese, ma anche per le equipe mediche che partono per missioni chirurgiche nei paesi in via di sviluppo. È questa la missione di Flying Angels, a cui si potrà dare un contributo concreto effettuando una donazione sul sito www.salvali.org.
Tema della campagna è il “viaggio indimenticabile”, che ciascuno interpreta secondo le proprie esperienze, la propria sensibilità e i valori personali. Per Angelo, protagonista dello spot, il viaggio aereo porta con sé i valori della solidarietà e della vita ed è indimenticabile perché non si esaurisce nel passato, ma, attraverso la donazione, diventa il futuro del piccolo Daniel. Grazie a Flying Angels, a 18 mesi Daniel ha volato dalla Nigeria fino a Genova, insieme alla sua mamma, per essere sottoposto a una delicatissima e vitale operazione al cuore presso l’Ospedale pediatrico Giannina Gaslini.
Media partner della campagna sono le emittenti radiotelevisive nazionali La7, Sky, Discovery Media, Radio Deejay e RDS, che hanno concesso gratuitamente gli spazi pubblicitari.
La campagna #salvALI comprende anche un annuncio stampa, sul tema “Gli angeli non si vedono ma lasciano il segno”. Come una piuma abbandonata, secondo la tradizione popolare, è il segnale della presenza di un angelo, attraverso il gesto concreto della donazione tutti possono diventare angeli per tanti bambini, che possono volare verso ospedali specializzati in grado di aiutarli.
Nell’anno in cui la pandemia globale ha messo in discussione gli equilibri sociali ed economici dell’intero pianeta, sentiamo ancora più forte il senso di responsabilità per garantire il diritto alla vita e alla salute dei bambini malati che si rivolgono alla Fondazione, da qualunque paese essi arrivino – ha commentato Francesco Maria Greco, Presidente Flying Angels Foundation. – Per loro, e per i loro genitori, abbiamo
attivato il Fondo Voli Sospesi, che ha potuto garantire a Daniel, e garantirà a tanti altri bambini, un trasferimento aereo immediato e l’accesso alle cure ospedaliere di cui hanno disperatamente bisogno”.
Con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, la campagna #salvALI di Flying Angels può contare sulla rinnovata collaborazione di ENAC, di Assaeroporti e degli aeroporti italiani per la diffusione e la promozione della campagna, sia attraverso i loro siti web e gli account social media che all’interno delle aerostazioni. In particolare, gli aeroporti di Bergamo, Bologna, Cagliari, Genova, Milano Linate, Milano Malpensa, Palermo, Roma Ciampino, Roma Fiumicino, Torino, Trapani, Trieste, Venezia e Verona.

I commenti:

Come già avviene da alcuni anni – è il commento di Alessio Quaranta, Direttore Generale dell’ENACabbiamo confermato il nostro patrocinio per la campagna 2020 della Fondazione Flying Angels e aderiamo, con profonda partecipazione, all’iniziativa #salvALI a tutela del diritto alla salute dei bambini che non possono essere curati nei loro Paese e che necessitano di essere trasportati in ospedali esteri per accedere alle terapie. Tutti i canali di comunicazione dell’ENAC daranno massima diffusione all’iniziativa auspicando di sensibilizzare il maggior numero di persone a contribuire in modo concreto e reale affinché i bambini che ne hanno bisogno possano raggiungere, attraverso il mezzo aereo, adeguate strutture sanitarie. Confidiamo nella generosità dei passeggeri e del mondo del trasporto aereo, da sempre attento alle iniziative di solidarietà, per garantire la tempestività dei trasferimenti e far volare questi bambini verso gli ospedali e il personale sanitario che potranno prendersi cura di loro”.
In un periodo di profonda crisi a livello mondiale e di grandi incertezze sul futuro – ha affermato Valentina Lener Direttore Generale di Assaeroportisiamo felici di poter rinnovare il nostro patrocinio a favore di una iniziativa meritevole che da diversi anni sosteniamo con sincero slancio insieme agli aeroporti italiani. Ancor più adesso che tutta la filiera è chiamata ad affrontare una situazione di enorme difficoltà, siamo convinti che promuovere un Progetto come #salvALI sia un’opportunità. Poter contribuire a garantire un avvenire migliore
a bambini bisognevoli di cure e alle loro famiglie significa poter guardare al futuro con speranza. Per questo vogliamo rivolgere un grande ringraziamento alla Fondazione Flying Angels e a tutti coloro che, col proprio aiuto, renderanno possibile tutto questo”.
Lo spot della campagna #salvALI sarà infine diffuso presso le circa 100 aree di servizio più grandi e frequentate della rete gestita da Autostrade per l’Italia.

A proposito della Flying Angels Foundation

Flying Angels Foundation è una Onlus specializzata nel trasferimento aereo di bambine e bambini gravemente malati che necessitano di cure salvavita non disponibili nei loro paesi di origine.
La fondazione assiste bambini provenienti da tutto il mondo e bisognosi di delicate cure specialistiche: acquista per loro e per i loro familiari i biglietti aerei necessari a raggiungere rapidamente le strutture ospedaliere più adeguate oppure finanzia il volo di equipe mediche specializzate che possano risolvere più casi assieme direttamente in loco. Collabora continuativamente con importanti organizzazioni umanitarie che segnalano le situazioni più urgenti e con numerosi medici dei principali ospedali pediatrici italiani. Per le situazioni cliniche gravissime, per cui un volo su un aereo di linea è impossibile, si ricorre ad aerei con attrezzature mediche e personale sanitario dedicati per assistere i piccoli in volo. Nel caso in cui ci sia la necessità, la Fondazione fornisce il proprio supporto per le pratiche burocratiche richieste dagli uffici consolari italiani di tutto il mondo, aprendo i contatti e fornendo la documentazione necessaria per il rilascio dei visti.
Flying Angels Foundation fornisce un servizio specializzato a supporto delle organizzazioni non profit che si occupano di sanità pediatrica: dal 2012 a oggi, collaborando con circa 100 organizzazioni non profit italiane e internazionali, Flying Angels ha raggiunto più di 1960 bambini di oltre 70 paesi del mondo, finanziando circa 3.600 biglietti aerei, tra cui quelli relativi a oltre 70 missioni mediche che si sono recate direttamente nei paesi.

(Fonte: Ufficio Stampa ENAC e Flying Angels Foundation)

EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here