Secondo Scramble supersonico per i Typhoon italiani della Task Force Air Nato rischierata a Šiauliai (Lituania)

Must Read

RASSEGNA STAMPA

I 2 caccia sono decollati in pochissimi minuti raggiungendo ed identificando prontamente i velivoli sconosciuti.

Typhoon in azione (foto Toselli)
Typhoon in azione (foto Claudio Toselli)

(dal sito Aeronautica Militare) 24 marzo 2014

Scramble per i caccia Eurofighter Typhoon italiani della Task Force Air Nato in Šiauliai. Nel pomeriggio, dopo l’intervento fatto in mattinata, i velivoli italiani si sono nuovamente alzati in volo a velocità supersonica per intercettare velivoli cacciabombardieri della Federazione Russa. I velivoli in questione attraversavano lo spazio aereo baltico senza aver ottenuto le dovute autorizzazioni. I nostri intercettori sono stati attivati con un ordine di Scramble dal sovraordinato Centro di Comando e Controllo delle Operazioni aeree (CAOC) della NATO con sede ad Uedem (Germania).

I due Typhoon hanno quindi, in pochissimi minuti, intercettato ed indentificato i velivoli secondo le procedure previste dalla NATO. Lo Scramble, infatti, è proprio l’attività operativa consistente nel far decollare in maniera rapida una coppia di caccia al fine di intercettare e identificare un aereo sconosciuto che viola lo spazio aereo dell’Alleanza,  al fine di garantire la sicurezza dei cieli da qualsiasi eventuale e/o potenziale minaccia. I caccia italiani, rischieratisi il 27 dicembre 2014 sull’aeroporto di Šiauliai, stanno, infatti, assicurando dallo scorso primo gennaio l’integrità dello spazio aereo sui cieli di Lituania, Estonia e Lettonia, nella turnazione n° 37 stabilita dall’Alleanza.

L’Italia, al momento, è  l’unica nazione dell’Alleanza che partecipa a tutte e quattro le attività di Interim Air Policing richieste dalla NATO:  opera, infatti, con continuità  sui cieli dell’Albania, a partire dal 2009, della Slovenia, a partire dal 2004, ed ha svolto la prima rotazione in Islanda nel 2013.

L’Air Policing è svolta nell’ambito dell’area di responsabilità del Comando Operativo Alleato della NATO (Allied Command Operation – ACO) di stanza a Bruxelles (Bel) e viene coordinato dal Comando Aereo (Air Command) di Ramstein (Germania).

(EdP-ct)  foto Toselli

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img

Latest News

Con il turnaround green all’aeroporto di Torino si azzerano le emissioni di CO2

Torino Green Airport (Fermo immagine video Torino Airport)Caselle Torinese (Torino) – Il turnaround degli aeromobili all’aeroporto di Torino diventa...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img