Precisione svizzera per la manutenzione dei motori di Volotea. Rafforzato anche il legame con la città di Verona

volotea

Volotea, la compagnia aerea che collega aeroporti di medie e piccole dimensioni in Europa, ha firmato un accordo decennale per la manutenzione dei motori con la società svizzera SR Technics
La compagnia vuole anche rafforzare il proprio legame con la città di Verona e promuovere la passione per la musica lirica, riconfermando il suo impegno per la prossima stagione a fianco della Fondazione Arena di Verona

Nell’ambito dei piani di espansione della propria flotta, Volotea ha siglato un accordo decennale con SR Technics (in precedenza Swiss Technics), azienda svizzera che coordinerà la manutenzione degli Airbus A319 della low-cost. Determinanti per la scelta sono state qualità, flessibilità e competitività offerte dal partner oltralpe, che vanta più di 80 anni di esperienza.

SR Technics svolgerà per la compagnia le attività di manutenzione, riparazione e revisione dei motori. Nel 2017 Volotea si avvarrà di 10 Airbus A319 con motori CFM56-5B, ma prevede un aumento progressivo di questo tipo di aeromobili nei prossimi anni.  SR Technics è uno dei principali fornitori di servizi di manutenzione per gli aeromobili ed opera principalmente su Airbus e Boeing. Nata come divisione manutenzione ed engeneering di Swissair, precedente compagnia di bandiera svizzera, è cresciuta fino ad affermarsi come player globale.

«Siamo entusiasti d’aver siglato questo accordo decennale con Volotea – dichiara Frank Walschot, chief operating officer di SR Technics -. Volotea è cresciuta in modo significativo negli ultimi anni e ora, grazie alla qualità dei nostri servizi, può concentrarsi sullo sviluppo delle proprie rotte per trasportare sempre più passeggeri. Siamo impazienti di cominciare questa collaborazione, per supportare la crescita futura di Volotea.»

carlos-mun%cc%83oz-volotea-jpg«L’accordo con SR Technics si inserisce nei piani di crescita di Volotea, che il prossimo anno opererà più di 240 rotte in 16 Paesi grazie a 10 Airbus A319 – afferma Carlos Muñoz (nella foto), presidente e fondatore di Volotea -. Poterci avvalere della qualità e dell’esperienza di SR Technics contribuirà alla nostra crescita, permettendoci di collegare destinazioni di medie e piccole dimensioni e di trasportare sempre più passeggeri, mantenendo standard di sicurezza e puntualità elevati.»

Volotea, che ha base anche a Verona, ha fatto di nuovo centro. Il vettore, che ha recentemente annunciato il rinnovo della sua partnership con la Fondazione Arena di Verona, ha registrato il sold out. Sono stati, infatti, più di 2.000 gli utenti che hanno cliccato sulla pagina Facebook della compagnia per cercare di assicurarsi uno dei 100 biglietti per due persone in palio ed assistere alla prima della Turandot, in programma per domani venerdì 16 dicembre presso il Teatro Filarmonico. Un successo che testimonia il forte legame tra la compagnia e la città di Verona, dove la low cost ha inaugurato la sua base operativa nel novembre 2015.

«Non ci aspettavamo un successo di tale portata: in poco meno di un mese, più di 2.000 utenti hanno partecipato al nostro contest, celebrando insieme a noi il primo anniversario dell’apertura della nostra base veronese – ha affermato il presidente e fondatore Carlos Muñoz. – Si tratta di un’ulteriore riconferma dello speciale affetto che ci lega alla città di Verona e ai suoi abitanti. Con questa iniziativa dedicata alla Turandot, abbiamo voluto regalare ad alcuni fortunati un anticipo del Natale, offrendo loro la possibilità di partecipare ad una serata dal grande valore culturale, festeggiando insieme l’avvio della stagione lirica veronese. Non potevamo mancare ad un appuntamento importante come quello della prima della Turandot presso il Teatro Filarmonico di Verona – prosegue Muñoz –. Con questa speciale collaborazione, vogliamo rafforzare il forte legame che si è creato durante lo scorso anno con una realtà culturale dal forte respiro internazionale e con la sua stagione artistica. Dall’avvio delle nostre attività nel 2012, – sottolinea il presidente – Volotea ha visto crescere, anno dopo anno, i risultati raggiunti, superando quota 940.000 passeggeri trasportati, per un totale di più di 1.255.000 posti in vendita da e per lo scalo veronese.  Con i nostri voli – conclude Muñoz –, ci auguriamo di poter incrementare anche per il futuro i flussi turistici alla volta di Verona, una città unica sulla quale vogliamo continuare ad investire»

E per il prossimo anno, Volotea sta già scaldando i motori della sua flotta ed è tutto pronto per fare rotta verso 17 destinazioni, di cui 9 in Italia  (Alghero, Bari, Brindisi, Cagliari, Catania, Napoli, Olbia, Palermo e Lampedusa) e 8 all’estero (Santorini, Mykonos, Ibiza, Palma di Maiorca, Minorca, Tirana, Chisinau e Cork). Sempre nel 2017 Volotea si riconfermerà come prima compagnia aerea dell’aeroporto veronese per numero di destinazioni e volume di posti: al vettore, il 25% della capacità totale dal Catullo.

(Fonte: Melismelis, Ufficio Stampa Volotea, 15 dicembre 2016) Foto: Volotea

(EdP-mb)