La tecnologia antidrone di Leonardo sarà impiegata dalle Forze Armate canadesi

• Falcon Shield Counter-Uncrewed Aerial System (C-UAS) metterà al sicuro lo spazio aereo del Canada, installazioni e personale, dalla minaccia rappresentata da droni non autorizzati • Il contratto canadese arriva dopo il successo di Falcon Shield nel Regno Unito, dove ha garantito la protezione di risorse critiche e la sicurezza nazionale • La tecnologia anti-drone di Leonardo (ACUS- Enhanced System) è stata acquisita anche delle Forze Armate italiane. Modulare e scalabile, è facilmente esportabile in tutto il mondo

Illustrazione di Falcon Shield per contrastare la minaccia dei droni (foto Leonardo)

RomaLeonardo si è aggiudicata un contratto dal Public Services and Procurement Canada (PSPC) per fornire la sua soluzione anti-drone Falcon Shield alle Forze Armate canadesi. L’azienda fornirà una serie di sistemi e un pacchetto di 10 anni per il supporto logistico e operativo che include opzioni per apparati aggiuntivi e lo sviluppo di nuove capacità. I primi equipaggiamenti saranno consegnati entro la fine dell’anno alle Forze Armate canadesi, che schiereranno Falcon Shield a protezione del personale dispiegato presso le basi di supporto tattico.
Falcon Shield è una soluzione collaudata sul campo per contrastare la crescente minaccia rappresentata dai piccoli velivoli pilotati a distanza, che di solito non sono rilevabili dai sistemi di sorveglianza aerea convenzionali.
Utilizzando un mix di sensori avanzati, sia di Leonardo sia di partner del settore, il sistema rileva, traccia, assegna rapidamente una priorità alle minacce e offre agli operatori gli strumenti per neutralizzarle in modo efficace.
Sviluppato negli stabilimenti di Basildon e Southampton, Falcon Shield è in servizio con le Forze Armate del Regno Unito ed è disponibile anche per clienti export in tutto il mondo. Leonardo continua, inoltre, ad aggiornare la soluzione per garantire che rimanga allo stato dell’arte in uno scenario di sicurezza in rapida evoluzione.
Alla Royal Air Force (RAF) Leonardo ha consegnato sette sistemi anti-drone completi (ridenominati ORCUS) per il programma di ricerca e sviluppo “Synergia”. La RAF li sta utilizzando anche come capacità nazionale a supporto dei servizi di emergenza. In questo ruolo, l’Aeronautica ha utilizzato la tecnologia anti-drone di Leonardo durante una serie di eventi di alto profilo, tra cui il vertice del G7 del 2021 in Cornovaglia e i Giochi del Commonwealth di Birmingham del 2022. Falcon Shield è stato anche schierato, durante il Natale del 2018, negli aeroporti di Londra Gatwick e Heathrow in seguito ad avvistamenti sospetti di droni, consentendo la ripresa delle operazioni aeree.
Leonardo collabora anche con le Forze Armate degli Stati Uniti nell’ambito della partnership UK-US sulla ricerca e sviluppo di sistemi anti-drone. In questo contesto, la società ha integrato la tecnologia NINJA dell’US Air Force Research Laboratory (AFRL) nel sistema ORCUS della RAF e ha dimostrato la sua capacità di rilevare dozzine di piccoli droni nello spazio di volo attorno alle basi aeree e di mitigare gli effetti potenzialmente dannosi di queste attività.
Leonardo opererà Falcon Shield durante l’esercitazione “Counter Uncrewed Aerial Systems Sandbox 2024”, che si terrà a Suffield, in Alberta, a giugno, per contrastare i droni pilotati dagli operatori del “red team” delle Forze Armate canadesi.

(Fonte e foto: Ufficio Stampa Leonardo)
EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime News

Aeronautica Militare: con l’arrivo degli ultimi AMX si arricchisce la collezione di velivoli storici volanti all’aeroporto di Piacenza

L'atterraggio a Piacenza di un AMX del 51° Stormo di Istrana (foto: Aeronautica Militare) ... Con l'atterraggio degli ultimi quattro caccia...

Ricerca per categoria: