Dalla IATA appello per aiuti immediati alle compagnie aeree per la crisi da COVID-19

(Tempo di lettura: 02′:10″)

Montreal, Canada – La International Air Transport Association (IATA), un’organizzazione internazionale di compagnie aeree con sede a Montréal, nella provincia del Quebec, ieri, 1° maggio, ha invitato il Governo canadese a fornire urgenti aiuti finanziari alle compagnie aeree che lottano per sopravvivere al devastante impatto della crisi da COVID-19. La IATA stima che i ricavi generati dalle compagnie aeree nel mercato canadese diminuiranno di $ 14,6 miliardi (43,2%). Ciò mette a rischio quasi 250.000 posti di lavoro canadesi e 25,4 miliardi di dollari di PIL canadese, generato direttamente dal trasporto aereo e dal turismo legato al trasporto aereo.
È urgente e necessario il sostegno del Governo per garantire una liquidità che consentirà alle compagnie aeree di sopravvivere nei prossimi mesi e quindi proteggere i posti di lavoro generati dal settore del trasporto aereo. Tra i Governi che hanno già intensificato gli aiuti alle compagnie aeree del loro paese: gli Stati Uniti, che hanno versato 61 miliardi di dollari al settore dell’aviazione, la Francia, che ha annunciato un pacchetto di aiuti finanziari del valore di 7 miliardi di euro, la Repubblica di Corea, che ha promesso un sostegno finanziario per i vettori full service locali per un totale di 2,29 trilioni di KRW (1,86 miliardi di dollari USA). Il trasporto aereo in Canada contribuisce con 51,4 miliardi di dollari al PIL del Paese e supporta circa 633.000 posti di lavoro (diretti e indiretti). La spesa di turisti stranieri sostiene altri 16,7 miliardi di dollari di PIL, con un contributo complessivo di 68,1 miliardi di dollari. In totale, il 3,2% del PIL del paese è sostenuto dagli input del settore del trasporto aereo e dai turisti stranieri che arrivano in aereo. 
Le compagnie aeree stanno affrontando l’ora più buia.” ha dichiarato Peter Cerdá, vice presidente regionale della IATA per le Americhe. “Il traffico passeggeri si è praticamente fermato e i flussi di cassa sono pressoché inesistenti – ha proseguito – Le conseguenze per l’economia canadese sono gravi. Ora è necessario il sostegno del governo per garantire che il Canada disponga di un settore aereo praticabile per guidare il recupero dell’economia.(…) Le compagnie aeree hanno adottato misure di emergenza per preservare i contanti. Ma le compagnie aeree sono tra le prime e le più colpite. A livello globale, l’industria potrebbe subire una crisi di liquidità fino a 84,7 miliardi di dollari nel secondo trimestre, poiché la domanda crollerà dell’80% o più…”, ha sottolineato Cerdá. “Quando il virus COVID-19 verrà messo sotto controllo – ha proseguito – l’attività economica globale riprenderà nuovamente e un settore del trasporto aereo vitale sarà fondamentale per la ripresa. In un paese vasto come il Canada è un’ancora di salvezza da cui dipendono persone e imprese.“, ha concluso Cerdá.

(Fonte: Ufficio Stampa IATA, Canada)

EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here