Conferma accordo ENAC-FAA sul trasporto spaziale commerciale e presentazione del progetto per lo spazioporto di Grottaglie

41ª Assemblea Generale dell’ICAO a Montreal. Presidente ENAC Di Palma: “Il comparto aerospaziale si concretizza nel completamento del quadro regolamentare e nella realizzazione del primo spazioporto nazionale.”

0
42
Incontro ENAC-FAA: (da sx a dx) Eminente, Di Antonio, Nilen, Di Palma, Costantini, Trombetti( Foto: ENAC)

Incontro ENAC-FAA: (da sx a dx) Eminente, Di Antonio, Nolen (FAA), Di Palma (Presidente ENAC), Costantini, Trombetti (Foto: ENAC)

Montreal (Canada) – Italia e Stati Uniti insieme nel progresso del trasporto spaziale commerciale e sviluppo del progetto Criptaliae Spaceport, lo spazioporto di Taranto Grottaglie. Sono i temi affrontati nell’incontro che si è svolto tra l’ENAC e la Federal Aviation Administration (FAA) in occasione della 41ª Assemblea Generale dell’ICAO – Organizzazione Internazionale per l’Aviazione Civile – in corso a Montreal. Ne hanno discusso due folte delegazioni guidate dal Presidente ENAC Pierluigi Di Palma e dall’Acting Administrator FAA Billy Nolen.
La conferma del protocollo con l’amministrazione statunitense, firmato nel 2016, rientra negli obiettivi nazionali dello sviluppo delle attività commerciali suborbitali e spaziali in coerenza con il programma europeo sulle operazioni ad alta quota (Higher Airspace Operations – HAO) e nel quadro della cosiddetta New Space Economy. Si tratta di opportunità rilevanti di business per il sistema Paese e per le imprese italiane, nel rispetto del principio cardine di rendere l’aerospazio e l’ambiente compatibili e sostenibili.
Nel corso del meeting, ENAC e FAA hanno convenuto di dare piena applicazione ed efficacia all’accordo mediante l’istituzione di un comitato tecnico di coordinamento per individuare i progetti di reciproco interesse su cui concentrare gli sforzi, volti a permettere ai maggiori operatori USA di poter operare in Italia dallo spazioporto di Grottaglie già a partire dai prossimi anni.
Soddisfazione è stata espressa dal Presidente ENAC Pierluigi Di Palma: “Poter aggiornare l’amministrazione statunitense su un progetto così rilevante per il nostro Paese, come la definizione di un quadro regolamentare armonizzato con quello statunitense e la realizzazione a Grottaglie del primo spazioporto, è un passaggio che ci avvicina ulteriormente all’idea di sistema innovativo del comparto aerospaziale su cui si base l’attività dell’ENAC. Ci sono realtà come Virgin Galactic, Virgin Orbit, Blue Origin e Sierra Space che hanno già iniziato a investire sul futuro dei voli spaziali e suborbitali commerciali e che potrebbero presto operare anche in Italia grazie all’impegno corale di tutto l’ecosistema degli stakeholder nazionali promosso e supportato dall’ENAC. Ci auguriamo che anche aziende europee e start up siano coinvolte da questa idea di futuro che è già nel nostro presente”.
ENAC e FAA, infine, hanno convenuto anche di continuare e intensificare nel futuro la stretta collaborazione tra le due autorità sulle tematiche di sviluppo del trasporto suborbitale e spaziale commerciale.

(Fonte e foto: Ufficio Stampa ENAC)
EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here