AEROPORTO DI BOLOGNA. ANCORA INGENTI SEQUESTRI DI VALUTA

gdf 11310_S1130014Continua con successo presso l’Aeroporto Marconi l’attività di contrasto agli illeciti valutari. Negli ultimi giorni i funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Bologna – Sezione Operativa Territoriale Aeroporto, unitamente ai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza – I Gruppo Bologna, hanno sequestrato poco meno di 160.000 euro di valuta non dichiarata.

Nel primo caso si è trattato di un cittadino italiano di rientro dal Brasile, con scalo a Roma, che è stato trovato in possesso di una somma pari a 266.000 euro in banconote di grosso taglio.
Anche nel secondo caso il passeggero era un cittadino italiano, in arrivo dall’Iran via Francoforte, trasportando una somma superiore a 72.000 euro, ben occultati sulla persona e all’interno del bagaglio a mano.

In entrambi i casi in conseguenza della violazione alla normativa valutaria, che stabilisce l’obbligatorietà della dichiarazione doganale per i trasferimenti di denaro contante pari o superiori a 10.000 euro, si è proceduto al sequestro del 50% dell’eccedenza, per un importo complessivo pari a 159.482 euro.

(Fonte: Ufficio Stampa Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Guardia di Finanza Comando Provinciale Bologna, 8 agosto 2016)

(EdP-mb)