UNIFIL: donazione di Italbatt in Libano per i giovani e lo sport

Paracadutisti del Contingente di Italbatt effettuano una donazione di materiale sportivo ad una società sportiva locale

Il Colonnello Dario Paduano, Comandante di ITALBATT, ripreso assieme al Sindaco Mohamed Shimali, durante l’incontro (foto: JTF-L SW)

La Task Force italiana (ITALBATT), su base 187° Reggimento paracadutisti “Folgore”, inquadrata nella Joint Task Force Lebanon (JTF-L) – Sector West (SW) di UNIFIL ha effettuato una donazione di abbigliamento tecnico e calcistico in favore della comunità di Al Qualy’ah.
Le forniture provengono dall’Unione Sportiva Grosseto 1912, grazie alla collaborazione tra il Presidente Giovanni Lanioni e il Reggimento Savoia Cavalleria 3°, presso il quale il materiale è stato raccolto prima della partenza dei paracadutisti per il teatro libanese.
II Colonnello Dario Paduano, Comandante di ITALBATT, ha voluto ringraziare il Sindaco Mohamed Shimali, per il fattivo impegno nel supportare i giovani della comunità, “lo sport rappresenta per i giovani un’occasione di crescita e condivisione di valori, tra cui il rispetto, la solidarietà, l’inclusivita’, il sacrificio e lo spirito di squadra. Sono tra quei valori – ha detto – che motivano gli uomini e le donne della Task Force nell’assolvimento della missione di UNIFIL”.
Il contingente italiano in Libano ha la responsabilità del settore ovest di UNIFIL (JTF-L Sector West), guidato dal Generale di Brigata Roberto Vergori, in cui operano circa 3.800 Caschi Blu di 17 dei 48 Paesi contributori alla missione dell’ONU.
L’Italia assicura, inoltre, la mobilità aerea e capacità di operare dalla terza dimensione con gli assetti ad ala rotante dell’Aviazione dell’Esercito, personale di staff all’interno del Comando della missione ed altre componenti specialistiche delle Forze Armate, che garantiscono la complementarietà operativa necessaria all’assolvimento dei compiti principali: monitorare la cessazione delle ostilità, assistere le Forze Armate libanesi nel controllo del territorio e nell’esercizio della sovranità e contribuire al supporto della popolazione civile.
Le attività svolte in Teatro Operativo sono condotte sotto il coordinamento e secondo le direttive impartite dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), che è l’alto Comando della Difesa deputato alla pianificazione, coordinazione e direzione delle operazioni militari, delle esercitazioni interforze nazionali e multinazionali e delle attività a loro connesse.

(Fonte e foto: Ufficio Pubblica Informazione Joint Task Force Lebanon (JTF-L) – Sector West UNIFIL)
EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime News

Elicottero del 15esimo Stormo dell’A.M. recupera da motopeschereccio un uomo colto da malore

L'HH139B dell'82° Centro S.A.R. di Trapani durante il recupero (foto Aeronautica Militare) Roma - Il 18 maggio scorso, verso le...

Ricerca per categoria: