Partnership Delta e Takeda: ridurre le emissioni degli aerei grazie a un accordo sul carburante sostenibile

Un Airbus A330-300 in volo sull'oceano (foto Delta Air Lines ©)

Delta Air Lines e Takeda Pharmaceutical Company Limited (“Takeda”) hanno stipulato un accordo SAF (Sustainable Aviation Fuel – Carburante Sostenibile per Aerei), il 22 aprile scorso, che ridurrà le emissioni di anidride carbonica derivanti dai viaggi d’affari della società fatti con Delta. Con questo accordo Takeda si aggiunge alla crescente lista di clienti corporate che stipulano accordi SAF agevolati da Delta, e sancisce l’impegno condiviso da entrambe le società per ridurre le emissioni. Queste partnership guidano gli investimenti nel mercato SAF, costruendo la domanda dell’industria e ampliando il mercato con l’obiettivo di diminuire la dipendenza dell’industria dell’aviazione dal carburante avio convenzionale.
Nel 2020, Takeda ha raggiunto la neutralità delle emissioni di carbonio in tutta la sua catena di valore, compresa l’aviazione, una pietra miliare significativa nel nostro percorso verso la sostenibilità“, ha detto Michelle De Costa, Head of Global Meetings & Travel Center of Excellence di Takeda. “Mentre ci impegniamo a migliorare ulteriormente rispetto a questo risultato per il 2021 e oltre, la partnership con Delta, che condivide il nostro impegno per l’ambiente, ci aiuta a continuare a perseguire i nostri obiettivi investendo in un futuro più sostenibile“.
Un anno è trascorso da quando Delta ha annunciato, a marzo 2020, il suo impegno del valore di 1 miliardo di dollari per la neutralità del carbonio, e la compagnia continua a concentrarsi sulla riduzione e la rimozione del carbonio e sul coinvolgimento degli stakeholder per rendere le sue operazioni più sostenibili. La collaborazione con Takeda continua a sottolineare il significativo impatto ambientale positivo che può essere ottenuto attraverso una collaborazione sostenibile.
Essere una compagnia aerea impegnata a decarbonizzare l’aviazione significa lavorare in partnership con i nostri clienti per aiutarli ridurre le loro emissioni“, ha detto Amelia DeLuca, Managing Director of Sustainability di Delta. “Mentre guardiamo a un futuro in cui i viaggi aerei e la sostenibilità non si escludono a vicenda, lavorare e investire con i nostri partner è un passo fondamentale per arrivarci. Siamo grati ai partner come Takeda che si stanno impegnando per trovare nuove soluzioni“.
Il SAF è una leva cruciale per ridurre le emissioni di carbonio del ciclo di vita del carburante per aerei, fino all’80% se usato in forma pura rispetto al carburante avio fossile. La fornitura SAF separata di Delta con Neste permette al vettore di stipulare il suo accordo SAF con Takeda e offrire soluzioni di viaggio aereo sostenibile ad altri clienti corporate.
Neste è all’avanguardia nella produzione di SAF da quasi un decennio e ne è il principale produttore mondiale. Il My Sustainable Aviation Fuel di Neste è realizzato con materiali di scarto e residui di origine sostenibile e rinnovabili. È un carburante drop-in che offre una soluzione immediata per ridurre direttamente le emissioni di gas serra dalla combustione del carburante, senza richiedere nuovi investimenti, modifiche o cambiamenti all’aereo o alle procedure di distribuzione del carburante.
Dall’essere la prima e unica compagnia aerea statunitense a limitare volontariamente le emissioni di gas serra ai livelli del 2012, alla decisione presa lo scorso anno per diventare la prima compagnia aerea neutrale rispetto alle emissioni di carbonio a livello globale, Delta vanta un impegno di lunga data per i viaggi aerei sostenibili. E’ stata la prima compagnia aerea nominata tra le aziende americane più sostenibili da Barron nel 2020, l’unica compagnia aerea statunitense inclusa nello S&P Sustainability Yearbook del 2021, e ha ricevuto il Vision for America Award di Keep America Beautiful e il Superhero Corporate Award della Captain Planet Foundation. Delta si è anche aggiudicata, per sei anni consecutivi, un posto nell’FTSE4Good Index e nel Dow Jones Sustainability North America Index per dieci anni consecutivi.
Neste crea soluzioni per combattere il cambiamento climatico e accelerare il passaggio a un’economia circolare. L’azienda raffina i rifiuti, i residui e le materie prime innovative in combustibili rinnovabili e materie prime sostenibili per plastica e altri materiali. È il primo produttore al mondo di diesel rinnovabile e di carburante sostenibile per l’aviazione, sviluppando il riciclaggio chimico per combattere la sfida dei rifiuti di plastica. La società punta ad aiutare i clienti a ridurre le emissioni di gas serra con le sue soluzioni rinnovabili e circolari di almeno 20 milioni di tonnellate all’anno entro il 2030. In qualità di raffinatore tecnologicamente avanzato di prodotti petroliferi di alta qualità con l’impegno a raggiungere una produzione a emissioni zero entro il 2035, Neste sta anche introducendo materie prime rinnovabili e riciclate come la plastica di scarto e le materie prime di raffineria. Neste è stata costantemente inclusa negli indici di sostenibilità Dow Jones e nella lista Global 100 delle aziende più sostenibili del mondo. Nel 2020, il fatturato di Neste è stato di 11,8 miliardi di euro, con il 94% del profitto operativo comparabile dell’azienda proveniente da prodotti rinnovabili.

(Fonte e foto: ABC P-R Consulting, Ufficio Stampa Delta Air lines)
EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here