Maltempo: temporali e venti forti su Sardegna, Sicilia e Calabria

(foto Creative Commons - Pixabay)

20 dicembre 2016

Allerta arancione per oggi e domani in Sardegna e Calabria

(foto Creative Commons - Pixabay)
(foto Creative Commons – Pixabay)

La perturbazione che sta interessando il nostro Paese, in transito sul Mediterraneo occidentale, continua a determinare condizioni di maltempo sulle due isole maggiori e sulla Calabria, specie sui versanti meridionali ed orientali, con venti forti sulla Liguria.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello di ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal pomeriggio di oggi, martedì 20 dicembre, il persistere di precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna, specie settori meridionali e orientali e di venti di burrasca dai quadranti settentrionali sulla Liguria. Dal mattino di domani, mercoledì 21, previste ancora precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Sicilia e Calabria, specie sui settori meridionali ed orientali. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi e domani allerta arancione sulla Sardegna, bacini Flumendosa e Flumineddu e sul versante ionico, meridionale e centrale, della Calabria. Sempre per domani è prevista allerta gialla nelle aree di Campidano, Inglesiente e della Gallura, in Sardegna, sui versanti ionico settentrionale e tirrenico della Calabria, su alcune zone del Molise, su gran parte della Puglia oltre che sulla Sicilia nord orientale.

(Fonte: Ufficio Stampa Dipartimento della Protezione Civile, Presidenza del Consiglio dei Ministri, 20 dicembre 2016)

(EdP-mb)