L’Agenzia Spaziale Italiana partecipa al progetto EcoLife (A.S.I.)

0
271

Il programma è co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma LIFE+2012 Informazione e Comunicazione

(Ufficio Stampa Agenzia Spaziale Italiana) – 18 febbraio 2015 –

Sky med OT
Il logo del sistema satellitare italiano COSMO-SkyMed dell’ASI

Lungo i binari del Treno Verde, storica campagna ambientale di Legambiente e Ferrovie dello Stato, correranno per l’edizione 2015 del progetto EcoLife anche le immagini del sistema satellitare italiano COSMO-SkyMed dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

EcoLife vuol promuovere la comunicazione attraverso una rete diffusa capillarmente sul territorio, informare i cittadini sui cambiamenti climatici in atto e sensibilizzarli nell’intraprendere stili di vita maggiormente sostenibili per l’ambiente: sono questi gli obiettivi del progetto, promosso da Legambiente onlus, Deep Blue s.r.l., AzzeroCO2, Associazioni cristiane lavoratori italiani (ACLI) e dal Movimento difesa del cittadino (MDC).

La campagna mette in evidenza come siano forti i legami tra i comportamenti umani e i mutamenti climatici, e l’osservazione della Terra dallo spazio è il punto privilegiato per mettere in risalto quelli che sono gli effetti dei cambiamenti del clima sul nostro pianeta. All’interno del treno sono stati allestiti pannelli informativi e iniziative di sensibilizzazione a stili di vita e di comportamento compatibili con il rispetto dell’ambiente, tra cui EcoLife.

ASI logoL’ASI ha patrocinato l’iniziativa con la presentazione di immagini satellitari che rilevano il distacco di grandi superfici di ghiaccio, a dimostrazione di quanto siano drammatici gli effetti dei cambiamenti climatici in atto.

«Il controllo e il monitoraggio dallo spazio è l’elemento principale – ricorda il prof. Enrico Costa, componente del CdA dell’ASI – per studiare e verificare lo stato di salute del nostro pianeta. Le immagini di COSMO-SkyMed, sistema satellitare italiano unico al mondo, danno la immediata e chiara percezione di quanti problemi stiamo causando al nostro ambiente. L’Agenzia Spaziale Italiana partecipa a questo progetto proprio per dare sostegno alla campagna di informazione per migliorare le percezione dei nostri comportamenti.»

(EdP-mb)