IATA: obbligo di mascherine per passeggeri ed equipaggi. No al distanziamento sociale a bordo

Foto di David Mark per Pixabay

(Tempo di lettura: 05′:30″)

Ginevra, Svizzera – L’International Air Transport Association (IATA), organizzazione internazionale di compagnie aeree (ne riunisce circa 290 di oltre 100 nazioni) con sede a Montreal in Canada, ha diffuso il 5 maggio scorso una nota stampa in cui sostiene l’utilizzo di protezioni per il viso per i passeggeri e le mascherine per l’equipaggio a bordo degli aeromobili, come parte critica di un approccio orientato alla biosicurezza da attuare temporaneamente, quando le persone torneranno a viaggiare in aereo. La IATA non supporta invece l’obbligo di misure di “allontanamento sociale” che lascerebbero vuoti i “posti medi” in cabina.

Alexandre de Juniac, Ceo di IATA (foto IATA)

Gli elementi acquisiti fino ad ora dall’associazione suggeriscono che il rischio di trasmissione a bordo degli aerei è basso. L’uso della maschera da parte dei passeggeri e dell’equipaggio ridurrà il rischio già basso, evitando al contempo i drammatici aumenti dei costi del trasporto aereo che porterebbero a misure di allontanamento sociale a bordo.
La sicurezza dei passeggeri e dell’equipaggio è fondamentale. L’industria aeronautica sta lavorando con i governi per ricominciare a volare quando ciò potrà essere fatto in sicurezza. Le prove suggeriscono che il rischio di trasmissione a bordo degli aerei è basso. E adotteremo misure – come indossare i rivestimenti per il viso dei passeggeri e le maschere dell’equipaggio – per aggiungere ulteriori livelli di protezione. Dobbiamo arrivare a una soluzione che dia ai passeggeri la sicurezza di volare e mantenga i costi di volo accessibili. Uno senza l’altro non avrà alcun beneficio duraturo“, ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore generale e CEO della IATA.

Misure per ridurre il già basso rischio di trasmissione a bordo
La IATA raccomanda coperture per il viso obbligatorie per i passeggeri e le maschere per l’equipaggio come una delle varie azioni per ridurre il già basso rischio di contrarre COVID-19 a bordo degli aeromobili.
Oltre ai rivestimenti per il viso, questi strati di misure temporanee di biosicurezza proposti includono:
– controllo della temperatura di passeggeri, lavoratori aeroportuali e viaggiatori;
– processi d’imbarco e di uscita dal velivolo che riducano il contatto con altri passeggeri o i membri dell’equipaggio;
– limitare i movimenti all’interno della cabina durante il volo;
– pulizia della cabina più frequente e profonda;
– procedure di ristorazione semplificate che riducano i movimenti dell’equipaggio e l’interazione con i passeggeri.
Se provati e disponibili su vasta scala, i test per i passaporti COVID-19 o d’immunità potrebbero anche essere inclusi come misure temporanee di biosicurezza.
La IATA non raccomanda di limitare l’uso del “sedile centrale” per creare il distanziamento sociale a bordo degli aeromobili. Le prove, sebbene limitate, suggeriscono che il rischio di trasmissione del virus a bordo degli aerei è basso anche senza misure speciali.
– La traccia dei contatti per un volo dalla Cina al Canada con un passeggero sintomatico COVID-19 non ha rivelato alcuna trasmissione a bordo.
– La traccia dei contatti per un volo tra la Cina e gli Stati Uniti con dodici passeggeri COVID-19 sintomatici non ha rivelato alcuna trasmissione a bordo.
– La comunicazione con le compagnie aeree membri della IATA indica risultati simili:
. un sondaggio informale IATA di 18 principali compagnie aeree ha identificato, nel periodo gennaio-marzo 2020, solo tre episodi di sospetta trasmissione in volo di COVID-19 dai passeggeri all’equipaggio. Altri quattro episodi sono stati riferiti di apparente trasmissione da pilota a pilota, che avrebbe potuto essere avvenuta in volo ma anche prima o dopo (compresa la sosta). Non ci sono stati casi di sospetta trasmissione da passeggero a passeggero;
. un esame IATA più dettagliato della ricerca dei contatti di 1.100 passeggeri (anche durante il periodo gennaio-marzo 2020) che sono stati confermati per COVID-19 dopo il viaggio aereo, non ha rivelato alcuna trasmissione secondaria tra gli oltre 100.000 passeggeri nello stesso gruppo di volo. Sono stati trovati solo due casi possibili tra i membri dell’equipaggio.
Ci sono diverse ragioni plausibili per cui il COVID-19, che è diffuso principalmente da goccioline respiratorie, non ha portato a una maggiore trasmissione a bordo:
– i passeggeri sono rivolti col viso in avanti con limitate interazioni faccia a faccia;
– i sedili costituiscono una barriera alla trasmissione verso la coda della cabina;
– il flusso d’aria dal soffitto al pavimento riduce ulteriormente il potenziale di trasmissione in avanti o indietro nella cabina, inoltre, le portate d’aria sono elevate e non favoriscono la diffusione delle goccioline allo stesso modo degli altri ambienti interni;
– i filtri per antiparticolato ad alta efficienza (HEPA) presenti sui moderni aeromobili ripuliscono l’aria della cabina fino a una qualità da sala operatoria, ulteriormente assistita da alti livelli di circolazione di aria fresca.
Inoltre, anche se attuato, mantenendo libero il cosiddetto “middle seat” non fornirà la separazione raccomandata per una “distanza sociale” efficace. La maggior parte delle autorità consiglia 1 o 2 metri di separazione, mentre la larghezza media del sedile è inferiore ai 50 cm.
L’ambiente della cabina rende naturalmente difficile la trasmissione di virus per una serie di motivi. Questo aiuta a spiegare perché abbiamo avuto poche prove di trasmissione a bordo. Nell’immediato, il nostro obiettivo è rendere l’ambiente della cabina ancora più sicuro con misure efficaci in modo che i passeggeri e l’equipaggio possano tornare a viaggiare con fiducia. Lo screening, i rivestimenti per il viso e le maschere sono tra le diverse misure che stiamo raccomandando. Lasciare il sedile centrale vuoto, tuttavia, non lo è”, ha detto de Juniac.

Le soluzioni a lungo termine per COVID-19 dipendono dalla scienza medica

Abbiamo bisogno di un vaccino, un passaporto di immunità o un test COVID-19 efficace che può essere somministrato su vasta scala. Il lavoro su tutti questi è promettente. Ma nessuno sarà realizzato prima del momento in cui avremo bisogno di riavviare il settore. Ecco perché dobbiamo essere pronti con una serie di misure comprovate, la cui combinazione ridurrà il già basso rischio di trasmissione in volo. E dobbiamo stare attenti a non trovare una qualsiasi soluzione in modo da poter essere rapidi nell’adottare misure più efficienti quando queste saranno senza dubbio disponibili “, ha detto de Juniac.

Impatto economico

Le richieste di misure di “allontanamento sociale” negli aeromobili sposteranno sostanzialmente l’economia dell’aviazione tagliando il fattore di carico massimo al 62%. Questo è ben al di sotto del fattore di carico in pareggio medio del settore del 77%. Con meno posti da vendere, i costi unitari aumenterebbero rapidamente. Rispetto al 2019, le tariffe aeree dovrebbero salire drasticamente – tra il 43% e il 54% a seconda della regione – solo per raggiungere il pareggio.

(Fonte: Ufficio Stampa IATA)

EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here