Flight test del Boeing ecoDemonstrator 757 : focus sull’efficienza aerodinamica

0
10
Il Boeing ecoDemostrator 757 (foto Boeing)

Collaborazione con TUI Group e NASA per ridurre l’uso di carburante e le emissioni di carbonio
Le nuove tecnologie includono l’active flow control e il rivestimento delle ali «bug-phobic»

Il Boeing ecoDemostrator 757 (foto Boeing)
Il Boeing ecoDemostrator 757 (foto Boeing)

La Boeing,  in collaborazione con TUI Group e la National Aeronautics and Space Administration (NASA), ha iniziato da diversi mesi i test in volo con il suo ecoDemonstrator 757, per valutare nuove tecnologie al fine di migliorare l’efficienza del trasporto aereo commerciale, ridurre le emissioni di rumore e di carbonio. Le prove in volo sul 757  continuano lo sforzo pluriennale del Programma ecoDemonstrator per accelerare i test, la raffinatezza e l’uso di nuove tecnologie e metodi che possono migliorare le prestazioni ambientali dei voli commerciali.

«L’ecoDemonstrator 757 promuove il nostro impegno per accelerare le tecnologie innovative nei programmi aerei attuali e futuri – ha commentato Mike Sinnett, vice president Product Development di Boeing Commercial Airplanes -. Il programma Boeing ecoDemonstrator è focalizzato sul rendere disponibili al più presto tecnologie nuove e più avanzate per i nostri clienti.»

Da un lato, Boeing testerà tecnologie per ridurre gli effetti ambientali sul natural laminar flow in modo da migliorare l’efficienza aerodinamica. Ad esempio, l’ecoDemonstrator 757 testerà uno scudo Kruger che può proteggere il bordo d’attacco dagli insetti. Boeing ha un contratto con l’Environmentally Responsible Aviation (ERA) Project della NASA per testare due tecnologie sull’ecoDemnstrator 757. Inoltre, la NASA testerà i rivestimenti “bug-phobic” che sono in grado di ridurre la residenza dei residui di insetti; questo consentirà un maggiore laminar flow rallentando il getto d’aria sulla superficie delle ali.  Sullo stabilizzatore di coda verticale, la NASA e Boeing stanno effettuando test sul controllo attivo del flusso per migliorare l’aerodinamicità sul timone e massimizzare l’efficienza aerodinamica. Basato su test annuali nella galleria del vento, l’active flow control potrebbe incrementare l’efficienza del timone fino a oltre il 20% e consentire in futuro un design dello stabilizzatore di coda verticale più piccolo.

TUI Group, il maggiore gruppo integrato turistico al mondo, collabora con Boeing per trovare un modo per ridurre le emissioni di carbonio. L’azienda europea, che include sei compagnie aeree, si sta preparando per un futuro a emissioni ridotte riducendo il suo impatto ambientale e incoraggiando fornitori e clienti a fare lo stesso. «Siamo molto lieti di collaborare con Boeing per la prossima fase del loro programma ecoDemonstrator, visto che TUI Group è fortemente impegnata a ottenere una maggiore efficienza ambientale in tutto il suo business e restare leader dell’industria nell’efficienza delle emissioni di carbonio con le nostre compagnie aeree», ha dichiarato Jane Ashton, Director of Sustainability di TUI Group.

Con l’eccezione della tecnologia di proprietà Boeing, la conoscenza che la NASA ha acquisito in collaborazione con Boeing dalla ricerca sull’ecoDemnostrator sarà disponibile pubblicamente a beneficio dell’industria. «Avere a disposizione importanti piattaforme di test, come il Boeing ecoDemonstrator, per supportare concetti avanzati di tecnologia, è estremamente importante per l’Environmentally Responsible Aviation (ERA) Project della NASA – ha dichiarato Fay Collier, ERA project manager, NASA -. I nostri ricercatori hanno lavorato sodo per sviluppare tecnologie che riducano il consumo di carburante degli aerei, il rumore e le emissioni. Diventare abili nel provare questi concetti durante i flight test dà loro punti in più per entrare nella flotta commerciale.»

Durante quest’anno Boeing annuncerà ulteriori test con l’ecoDemnstrator 757, che è stato noleggiato per effettuare le verifiche. Una volta che i voli saranno completati, Boeing lavorerà con l’Aircraft Fleet Recycling Association e con il noleggiatore, la divisione aerei finance di Stifel, per riciclare il 757 utilizzando best practices ambientali. Da quando è stato lanciato nel 2011, il programma ecoDemonstrator ha effettuato test su oltre 40 tecnologie con un 737 Next-Generation e con il 787 Dreamliner.

(Ufficio Stampa Boeing)

(EdP-mb)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here