ENAC: consiglio di amministrazione del 23 settembre 2015

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile rende noto che durante il Consiglio di Amministrazione che si è svolto ieri, 23 settembre 2015, tra i vari punti all’ordine del giorno sono state assunte le seguenti determinazioni e delibere, e trattati i temi di seguito riportati.

• BILANCIO CONSUNTIVO 2014

Il Consiglio di Amministrazione ha approvato il bilancio consuntivo relativo al 2014 e il riparto dell’avanzo di amministrazione nel quale residuano 22 milioni di Euro che, come da normativa vigente, verranno rimessi nella disponibilità del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti per essere utilizzati per lo sviluppo di investimenti nel settore del trasporto aereo. A tale proposito il Consiglio di Amministrazione ha proposto che queste risorse siano destinate alla realizzazione e/o al completamento di finanziamenti per interventi infrastrutturali aeroportuali considerati strategici per lo sviluppo del trasporto aereo del Paese.

• RAPPORTI SOGGETTI VIGILATI

Il Consiglio ha ratificato il provvedimento d’urgenza con il quale il Direttore Generale aveva approvato lo schema generale di contratto di programma in conformità a quanto disposto dall’art. 1 comma 11 del decreto legge 133 del 2014, convertito nella legge 164 del 2014, il cosiddetto ‘Sblocca Italia”.

• GESTIONE AEROPORTO DI PALERMO

Il Consiglio ha preso in esame la situazione relativa all’andamento economico-finanziario e allo sviluppo degli investimenti infrastrutturali nell’Aeroporto di Palermo. Il Consiglio, nel ribadire la necessità di realizzare, su tutti gli aeroporti, gli investimenti previsti dai contratti di programma rispettando anche i tempi di realizzazione, ha espresso preoccupazione in merito alla situazione emersa a proposito dell’Aeroporto Falcone Borsellino e ai ritardi nello sviluppo degli investimenti. Il Consiglio, pertanto, ha invitato le strutture dell’Ente competenti in materia a continuare le verifiche per definire in breve tempo un quadro certo della situazione e delle azioni da intraprendere, tenendo conto del ritardo che si è accumulato in termini di investimenti e di relativo sviluppo dello scalo.

• GESTIONE AEROPORTO DI REGGIO CALABRIA

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato in merito all’avvio del procedimento di decadenza della gestione alla società Sogas affidata ai sensi dell’art. 17 della legge 135 del 1997, se entro il 15 ottobre 2015 la società non avrà dimostrato di soddisfare i requisiti economico-finanziari necessari al mantenimento della gestione, a fronte del tempo trascorso senza che siano state presentate all’ENAC evidenze concrete.

• AEROPORTO DI CROTONE

Il Consiglio ha ribadito che, qualora entro il 31 ottobre 2015 non vi fosse la proroga dell’esercizio provvisorio concesso dal Tribunale alla curatela fallimentare per la gestione dello scalo, la gestione, affidata ai sensi dell’art. 17 della legge 135 del 1997, decadrà automaticamente.

(Ufficio Stampa ENAC, 24 settembre 2015)

(EdP-mb)