Home Aeronautica Militare Difesa aerea: “Scramble” di due Eurofigther in servizio di allarme

Difesa aerea: “Scramble” di due Eurofigther in servizio di allarme

0
Difesa aerea: “Scramble” di due Eurofigther in servizio di allarme
ERA Eurofighter foto AM

Un Eurofighter EFA del 51° Stormo di Istrana, Treviso (foto: repertorio Aeronautica Militare)

Nella mattinata del 25 giugno, due caccia F-2000 Eurofighter dell’Aeronautica Militare, in servizio di allarme per la difesa dello spazio aereo nazionale, hanno compiuto un intervento su ordine di decollo immediato (in gergo militare detto “scramble”) per intercettare e verificare un velivolo civile che aveva attivato il codice che identifica un dirottamento a bordo.
Il velivolo da turismo un Piper PA 28, decollato da Ferrara durante il volo ha inserito erroneamente il codice di emergenza che viene usato per segnalare che è in atto un dirottamento a bordo, facendo così scattare la procedura di allarme e intercettazione.
I due caccia intercettori del 51° Stormo di Istrana, sotto la guida dei controllori della Difesa Aerea dell’11° Gruppo D.A.M.I.  di Poggio Renatico, una volta accertato, in pochissimi minuti, l’erroneo inserimento del codice di emergenza da parte del pilota del PA 28, hanno ripreso il loro servizio di sorveglianza dello spazio aereo nazionale.
La missione operativa è stata attivata a seguito dell’ordine di “scramble” attivato dal Comando Operativo Aerospaziale responsabile del controllo dei cieli di quell’area e si è svolta sotto il controllo delle sale operative del sistema di sorveglianza e difesa aerea dell’Aeronautica Militare.
L’Aeronautica Militare assicura senza soluzione di continuità la sorveglianza dello spazio aereo nazionale. Il sistema di Difesa Aerea nei confronti della minaccia militare, fin dal tempo di pace, è sotto il controllo della NATO che tramite il Combined Air Operation Centre (CAOC) di Torrejon (Spagna), effettua la sorveglianza dello spazio aereo a sud delle Alpi, dalle isole Canarie alla Turchia e dalle isole Azzorre alla Romania.
Il servizio è garantito – per la parte sorveglianza, identificazione e controllo – dall’11° Gruppo Difesa Aerea Missilistica Integrata (DAMI) di Poggio Renatico (Fe) e dal 22° Gruppo Radar di Licola (Na), mentre l’intervento in volo è assicurato da quattro basi: 4° Stormo di Grosseto, 36° Stormo di Gioia del Colle, 37° Stormo di Trapani Birgi e 51° Stormo di Istrana, quest’ultimo stabilmente a partire dall’aprile 2020. Tutti gli stormi citati sono equipaggiati con velivoli caccia di quarta generazione Eurofighter.

(Fonte e foto: Ministero della Difesa – Aeronautica Militare – Stato Maggiore Aeronautica – 5° Reparto Comunicazione – Ufficio Pubblica Informazione)
EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here