COVID-19: 25 milioni di posti di lavoro minacciati dalla chiusura delle compagnie aeree

Foto di TheDigitalWay per Pixabay

(Tempo di lettura: 03′:30“)

Ginevra (Svizzera), 7 aprile 2020 – L’International Air Transport Association (IATA), sodalizio rappresentante circa 290 compagnie aeree che forniscono l’82% del traffico aereo mondiale, ha pubblicato oggi una nuova analisi –vedasi nota in calce (*)- che indica in circa 25 milioni i posti di lavoro che potrebbero essere persi a causa del crollo della domanda del trasporto aereo per la crisi dovuta alla pandemia da COVID-19.
A livello globale, il sostentamento di circa 65,5 milioni di persone dipende dal settore aereo, compresi settori come i viaggi e il turismo. Tra queste persone, ci sono 2,7 milioni di posti di lavoro nelle compagnie aeree. In uno scenario di severe restrizioni di viaggio che si estendano per tre mesi, la ricerca IATA ha scoperto che 25 milioni di posti di lavoro nel settore dell’aviazione e dei settori correlati sono a rischio in tutto il mondo:
• 11,2 milioni di posti di lavoro in Asia-Pacifico;
• 5,6 milioni di posti di lavoro in Europa;
• 2,9 milioni di posti di lavoro in America Latina;
• 2,0 milioni di posti di lavoro in Nord America;
• 2,0 milioni di posti di lavoro in Africa;
• 0,9 milioni di posti di lavoro in Medio Oriente.
Secondo lo stesso scenario, nel corso dell’intero anno le compagnie aeree dovrebbero vedere un calo delle entrate dei biglietti per circa $ 252 miliardi (-44%) nel 2020, rispetto al 2019. Il secondo trimestre è il più critico, la domanda crolla del 70% nel peggiore dei casi e le compagnie aeree perdono riserve di liquidità per $ 61 miliardi.
Le compagnie aeree chiedono ai governi di fornire assistenza finanziaria immediata per aiutarli a rimanere vitali e in grado di guidare la ripresa quando la pandemia verrà fermata. In particolare, IATA richiede:
• supporto finanziario diretto;
• prestiti, garanzie sui prestiti e supporto al mercato delle obbligazioni societarie;
• agevolazioni fiscali.
Non è possibile trovare parole per descrivere correttamente l’impatto devastante di COVID-19 sul settore aereo. E il danno economico interesserà 25 milioni di persone il cui lavoro dipende dall’aviazione. Le compagnie aeree devono rimanere imprese vitali per essere in prima linea nella ripresa quando la pandemia verrà messa sotto controllo. Una boa di salvataggio è attualmente fondamentale per le compagnie aeree“, ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore generale e amministratore delegato della IATA.
Guardando al futuro: riavviare il settore.
Oltre al supporto finanziario essenziale, l’industria avrà bisogno di un’attenta pianificazione e coordinamento per preparare le compagnie aeree quando la pandemia sarà sotto controllo.
Mai prima d’ora abbiamo chiuso il settore su così vasta scala. Pertanto, in realtà non abbiamo esperienza di riavvio. Sarà complesso. A livello pratico, avremo bisogno di misure di emergenza relative a licenze e certificazioni scadute. Dovremo adattare le nostre operazioni e i nostri processi per evitare ulteriori contaminazioni da casi di importazione. E dovremo trovare un approccio prevedibile ed efficace alla gestione delle restrizioni di viaggio che dovrà essere revocata prima di metterci al lavoro. Queste sono solo alcune delle sfide future. E per incontrarli con successo, l’industria e i governi devono allinearsi e lavorare insieme “, ha aggiunto de Juniac.
La IATA sta sviluppando un approccio globale per riavviare il settore quando i governi e le autorità sanitarie pubbliche lo consentiranno. Sarà essenziale un approccio multi-stakeholder. Il primo passo sarà una serie di incontri o vertici virtuali, su base regionale, che riuniscano governi e parti interessate del settore. Gli obiettivi principali saranno:
• capire cosa serve per riaprire i confini;
• adottare soluzioni che possano essere rese operative e adattate in modo efficace.
Non ci aspettiamo di riavviare lo stesso settore che abbiamo chiuso alcune settimane fa. Le compagnie aeree continueranno a connettere il mondo. E lo faremo attraverso una varietà di modelli di business. Ma i processi del settore dovranno essere adattati. Dobbiamo iniziare questo lavoro rapidamente. Non vogliamo ripetere gli errori che sono seguiti agli eventi dell’11 settembre, quando diversi nuovi processi sono stati imposti senza coordinamento. Abbiamo finito con un miscuglio di misure che oggi stiamo ancora cercando di svelare. I 25 milioni di persone i cui posti di lavoro sono a rischio a causa della crisi dipenderanno dall’efficace riavvio del settore…“, ha affermato de Juniac.
L’inizio dei vertici dovrebbe essere confermato entro la fine di aprile.

(*) I dati sull’occupazione riflettono il numero di posti di lavoro che potrebbero andare persi in uno scenario di rigide restrizioni ai viaggi che si protraggano per almeno tre mesi e ritardi nel recupero della domanda di viaggio a causa della recessione economica. Questa non è una previsione di licenziamenti. La potenziale perdita di 25 milioni di posti di lavoro copre tutti i settori sostenuti dal trasporto aereo, compresi i lavori associati alle spese di consumo dei turisti stranieri che utilizzano il trasporto aereo per raggiungere la loro destinazione. L’industria del turismo e dei viaggi è tra i settori più colpiti dalla pandemia.

(Fonte: Ufficio Stampa IATA)
EdP-mb