CAEX II-22: l’Esercito Italiano e la 3a dimensione

L’Aviazione dell’Esercito consolida il modello operativo della Brigata Aeromobile “Friuli” quale Combat Aviation Brigade (CAB), pluriarma, in occasione della Complex Aviation Exercise (CAEX II-22)

0
68
Elicotteri AH-129D in formazione (Foto AVES)

​Sardegna –  Con la condotta del Main Training Event della Specialità Azzurra, si è conclusa nelle scorse settimane la “CAEX II-22”, svoltasi presso il Poligono di Capo Teulada.

Pianificata, organizzata e condotta dal Comando AVES e dalla Brigata Aeromobile “Friuli”, la CAEX ha visto tutte le unità della Specialità impegnate in un evento addestrativo complesso, pluriarma e interforze, a fuoco in movimento, diurno e notturno.

Con questa attività sono stati certificati i Reparti di previsto impiego in teatro operativo o inseriti nei bacini di alta prontezza della Difesa. Si è inoltre sancito il raggiungimento della Full Operational Capability (FOC) della Brigata, quale unico force provider operativo dell’AVES.

Lo scenario, di elevato realismo, ha comportato la condotta di operazioni aeromeccanizzate e aeromobili, diurne e notturne. A corollario dello sforzo principale, sono state consolidate tanto le capacità logistiche di supporto al combattimento, quanto quelle specialistiche.

Nell’esercitazione sono stati impiegati circa 1000 militari e 22 elicotteri (AH-129D, UH-90A, CH-47F e UH-205).

(Fonte e foto: Comando Aviazione dell’Esercito – Viterbo)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here