Boeing ha un nuovo CEO: Dennis A. Muilenburg

Boeing building (foto Boeing)

McNerney rimane presidente del consiglio d’amministrazione; Muilenburg si unisce al board. Conner resta vice presidente. Precisione e tempistiche rapide della successione, per favorire un graduale cambio al vertice

Il nuovo CEO di Boeing Dennis A Muilenburg
Il nuovo CEO di Boeing Dennis A Muilenburg

Il consiglio di amministrazione di Boeing ha eletto Dennis A. Muilenburg come 10° CEO della società, succedendo a W. James (Jim) McNerney Jr., che ha ricoperto la posizione negli ultimi 10 anni. Muilenburg, che è stato presidente e chief operating officer dal 2013, diventerà presidente e CEO dal 1° luglio.

McNerney, che è entrato nel Board of Directors Boeing nel 2001, continua ad essere presidente del Board. Per garantire una transizione graduale delle sue responsabilità di CEO a Muilenburg, McNerney continuerà a lavorare come dipendente della società fino a quando andrà in pensione, alla fine di febbraio 2016. Inoltre, continuerà a supportare la gestione di attività importanti per i clienti Boeing degli Stati Uniti e del mondo, partner e stakeholder, compreso l’attuale impegno a Washington, D.C..  Kenneth M. Duberstein, continua a svolgere il ruolo di lead Director indipendente e Muilenburg è stato eletto membro del board.

«Dennis è un leader estremamente capace, esperto e rispettato, con una immensa passione per la nostra azienda, la nostra gente, i nostri prodotti e servizi – ha dichiarato McNerney -, che ha avuto come priorità la pianificazione delle successioni e lo sviluppo della leadership all’inizio del suo mandato. In qualità di CEO – ha aggiunto McNerney -, Dennis porterà una ricca combinazione di capacità manageriali, attenzione al cliente, acume nel business e nell’ingegneria, spirito di fare e voglia di vincere. Con un profondo apprezzamento dei nostri successi passati e l’energia e l’abilità per raggiungere quelli a venire – ha concluso McNerney -, è adatto a guidare la nostra squadra di grande talento nel suo secondo secolo.»

Muilenburg, 51 anni, è un veterano Boeing da 30 anni. Insieme al presidente e CEO di Boeing Commercial Airplanes, Raymond L. Conner, è stato anche vice presidente dal 2013. Conner, 60 anni, rimane in carica della divisione da 60 miliardi di dollari Commercial Airplanes e sarà l’unico vice presidente dell’azienda, dove continuerà a lavorare fianco a fianco con Muilenburg ai processi chiave corporate e all’integrazione delle strategie ed efficienze interaziendali.

«L’opportunità di essere alla guida di Boeing, al servizio dei nostri clienti commerciali e governativi è un’onore e una straordinaria responsabilità – ha commentato Muilenburg -. La nostra azienda è finanziariamente forte e ben posizionata nei nostri mercati. Dato che continuiamo a produrre benefici attraverso l’integrazione delle nostre capacità aziendali, delle professionalità e delle esperienze – quello che operativamente definiamo “One Boeing” – troveremo nuove e migliori strade per coinvolgere e ispirare i dipendenti, per consegnare innovazione che guidi il successo del cliente e produrre risultati che alimentino la crescita futura e la prosperità per tutti i nostri stakeholder.»

A nome del Consiglio di Amministrazione dell’azienda, Duberstein ha salutato sia Muilenburg che McNerney. «Nutriamo grande fiducia in Dennis, la cui carriera si è contraddistinta per le sfide affrontate e i risultati conseguiti – ha detto Duberstein -. In dieci anni da CEO, Jim ha ripristinato la vitalità, l’obiettivo e la reputazione di questa storica azienda americana e noi lo ringraziamo per la sua straordinaria leadership e ci congratuliamo con lui per il suo successo.»

McNerney, 65 anni, è stato eletto presidente e CEO Boeing nel 2005. Durante il suo mandato, l’azienda ha riconquistato la leadership globale nelle consegne di aerei commerciali, con una costante crescita nella produzione e con l’aggiornamento completo della sua linea di prodotto; ha mantenuto un posizione forte nel mercato della difesa nonostante una regressione nella spesa militare degli Stati Uniti; ha ristabilito la storica leadership Boeing nel campo dei voli spaziali umani con successi nel nuovo principale programma e ha ampliato l’impronta aziendale nell’ingegneria e nella produzione dentro e fuori dagli Stati Uniti.

Inoltre, con un focus inarrestabile sulla produttività interna per finanziare investimenti per l’innovazione e per la crescita, la performance finanziaria di Boeing è migliorata costantemente con McNerney, con un fatturato che ha raggiunto il 73%, al record di 90,8 miliardi di dollari lo scorso anno, da 52,5 miliardi di dollari del 2004, l’anno prima che diventasse CEO. Portafoglio ordini e ricavi per azione sono triplicati in quel periodo, raggiungendo anch’essi livelli record.

Nell’ultima posizione ricoperta, Muilenburg ha condiviso con McNerney la supervisione delle operazioni di business quotidiane, concentrandosi sulla crescita dell’azienda e sulle iniziative di produttività, sulle relazioni con i clienti chiave e i sui programmi di sviluppo della leadership. Prima di questo incarico, è stato, dal 2009, presidente e CEO di Boeing Defense Space & Security – la divisione Boeing da 31 miliardi di dollari e da 53.000 persone, basata a Saint Louis. E ancora prima, è stato presidente della Unit Global Services & Support, e della divisione Combat Systems division.

Muilenburg è entrato nei ranghi dell’area ingegneristica di Boeing a Seattle nel 1985, come praticante. Ha una Laurea in Ingegneria Aerospaziale conseguita alla State University dell’Iowa e un master in aeronautics and astronautics dell’Università di Washington. Ha ricoperto numerose posizioni di crescente responsabilità di program management e ingegneria, compresi quelli di High Speed Civil Transport, F-22, Airborne Laser e aerei di ricognizione Condor.

(Ufficio Stampa Boeing- 24 giugno 2015)

(EdP-mb)