Aeronautica Militare, difesa aerea: Eurofighter in addestramento intercetta velivolo civile che non risponde alle comunicazioni radio

Il velivolo dell’Aeronautica Militare era in addestramento in volo quando è arrivato l’ordine di scramble per intercettare un velivolo civile di nazionalità francese che aveva perso le comunicazioni radio

Due Eurofighter del 37° Stormo di Trapani (Foto: Repertorio Aeronautica Militare)

Si è concluso nelle prime ore del pomeriggio di ieri, 7 febbraio 2024, l’intercettazione di un velivolo privato civile – un Socata TBM 700 – di nazionalità francese partito da Atene con rotta su Palermo che, giunto nello spazio aereo italiano, non ha risposto alle previste comunicazioni radio – in gergo tecnico Comloss – con gli enti deputati al controllo del traffico aereo, facendo così scattare la procedura di allarme e intercettazione.
Il velivolo dell’Aeronautica Militare, un caccia F-2000 Eurofighter del 37° Stormo di Trapani, già in volo dalle ore 14:00 per un’attività addestrativa ma pronto a intervenire in caso di emergenza reale, ha immediatamente risposto alla richiesta di attivazione da parte delle agenzie di controllo della difesa aerea italiane e, sotto la guida del 22° gruppo Radar di Licola (Na), ha raggiunto il velivolo civile intorno alle ore 15:00, a circa 29.000 piedi (circa 10.000 metri di altezza).
Effettuata la prevista visual identification (VID) per accertare che non vi fossero condizioni di emergenza o di minaccia alla sicurezza, il monomotore francese ha ripristinato correttamente le comunicazioni radio e proseguito la sua rotta. A questo punto anche l’Eurofighter ha ripreso la sua attività per rientrare al 37° Stormo intorno alle ore 15.40.

L’Aeronautica Militare assicura senza soluzione di continuità la sorveglianza dello spazio aereo nazionale. Il sistema di Difesa Aerea nei confronti della minaccia militare, fin dal tempo di pace, è sotto il controllo della NATO che, tramite il Combined Air Operation Centre (CAOC) di Torrejon (Spagna), effettua la sorveglianza dello spazio aereo a sud delle Alpi, dalle isole Canarie alla Turchia e dalle isole Azzorre alla Romania.
Il servizio è garantito – per la parte sorveglianza, identificazione e controllo – dall’11° Gruppo Difesa Aerea Missilistica Integrata (DAMI) di Poggio Renatico (Fe) e dal 22° Gruppo Radar di Licola (Na), mentre l’intervento in volo è assicurato da quattro basi: 4° Stormo di Grosseto, 36° Stormo di Gioia del Colle, 37° Stormo di Trapani Birgi e 51° Stormo di Istrana, quest’ultimo stabilmente a partire dall’aprile 2020. Tutti gli stormi citati sono equipaggiati con velivoli caccia di quarta generazione Eurofighter.
Da marzo 2018, inoltre, nel sistema di difesa aerea nazionale sono stati integrati anche i velivoli F-35A del 32° Stormo di Amendola, che contribuiscono, con specifiche capacità operative e tecnologia di ultima generazione, alla difesa dei cieli italiani e che sono stati i primi aeroplani di 5^ generazione ad essere stati impiegati dalla NATO per sorvegliare lo spazio aereo dell’Alleanza in una operazione NATO di Air Policing.

(Fonte e foto: Ministero della Difesa – Aeronautica Militare – Stato Maggiore Aeronautica – 5° Reparto Comunicazione – Ufficio Pubblica Informazione)
EdP-mb

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime News

FlyRimini.it-Flight Simulator Center: una realtà aeronautica emergente

Il cockpit dell'Airbus A320 (foto "FlyRimini.it" - Flight Simulator Center) A Viserba di Rimini, non lontano dal  parco tematico "Italia...

Ricerca per categoria: