Trasporto aereo: più passeggeri e meno problemi con i bagagli

0
76

SITA Baggage Report 2017: 5,73 bagagli disguidati ogni mille viaggiatori (-12,2%).  Nel 2016 le irregolarità nella gestione dei bagagli sono costate a compagnie e aeroporti 2,1 miliardi di dollari

SITA graficoSempre più passeggeri, sempre meno problemi con i bagagli: nel 2016 sono stati riconsegnati in ritardo, danneggiati, smarriti o rubati solo 5,73 bagagli ogni mille viaggiatori. Il dato migliora del 12,2% il risultato record del 2015, quando i bagagli “disguidati” furono 6,5 ogni mille passeggeri. Il risultato è ancora più significativo se si considera che nel 2016 hanno volato 3,77 miliardi di passeggeri, il dato più alto di sempre che, secondo IATA, è destinato a crescere ancora durante l’anno in corso, raggiungendo a fine 2017 i 3,9 miliardi.

Questi i dati che emergono dal Baggage Report 2017 presentato oggi da SITA, specialista IT che trasforma il viaggio aereo con la tecnologia. Il risultato conferma il continuo miglioramento nella gestione dei bagagli disguidati. Negli ultimi 10 anni grazie agli investimenti in tecnologia e all’ottimizzazione dei processi da parte di compagnie aeree e aeroporti in tutto il mondo, il loro numero è diminuito del 70%. Un risultato destinato a migliorare ulteriormente nei prossimi 18 mesi: entro giugno 2018 le aerolinee aderenti a IATA dovranno adeguarsi a quanto previsto dalla cosiddetta “Risoluzione 753”, che impone che tutti i bagagli siano costantemente tracciati dall’inizio alla fine del viaggio: al check-in, al caricamento in stiva, a ogni trasferimento su volo di altro vettore e all’arrivo, quando il bagaglio è riconsegnato al passeggero

Dave Bakker, presidente SITA Europa, ha dichiarato: “Le irregolarità nella gestione del bagaglio sono un fastidio per i passeggeri e un costo per l’industria del trasporto aereo. Nonostante il continuo miglioramento, nel 2016 le operazioni di recupero e restituzione di bagagli sono costate al settore 2,1 miliardi di dollari. Ora l’industria del volo si prepara a un cambio di passo, con l’impegno delle compagnie aeree a tracciare il bagaglio in tutte le fasi del viaggio. Questo richiede tecnologie efficaci, capaci di ricavare, gestire e condividere i dati per seguire in tempo reale ogni bagaglio. SITA è pronta a offrire a compagnie, aeroporti e operatori di terra le migliori soluzioni tecnologiche senza necessità di ingenti investimenti, grazie all’esperienza specifica maturata in più di 20 anni di leadership nella gestione e tracciabilità dei bagagli”.

Nel 2016 quasi la metà (47%) delle irregolarità si è registrata durante il trasferimento dei bagagli da un volo all’altro; il 16% è stato originato dal mancato caricamento dei bagagli in stiva; il 15% da errori nel biglietto o per necessità di ulteriori controlli.

Bakker ha aggiunto: “Per migliorare la gestione dei bagagli, la cooperazione e la collaborazione tra tutta l’industria del trasporto aereo sono fondamentali: insieme dobbiamo individuare nuovi modi di lavorare e condividere i dati, così da migliorare l’esperienza del passeggero e fornire agli operatori un supporto nelle operazioni, con una riduzione dei costi derivanti dai bagagli disguidati”.

SITA è l’unico provider le cui soluzioni coprono tutte le fasi della gestione dei bagagli – dalla raccolta dati, all’elaborazione, alla condivisione – e da oltre 20 anni è leader nel monitoraggio e tracciabilità dei bagagli; i sistemi di SITA sono utilizzati in tutti i principali aeroporti del mondo. Oggi SITA guida la community del bagaglio fornendo tecnologia e soluzioni professionali di ultima generazione – fra gli altri SITA WorldTracer, riconosciuto da IATA come il servizio di tracciabilità d’elezione per il settore, e SITA BagJourney, il primo sistema di tracciabilità bagagli “community-based” che unisce dati raccolti da diverse fonti per offrire un monitoraggio sul bagaglio dall’inizio alla fine del viaggio – per aiutare l’industria del settore a rispettare la scadenza imposta da IATA per il 2018.

(Fonte: SEC Spa, Ufficio Stampa Sita, 4 maggio 2017)

(EdP-mb)