Transavia ha compiuto 50 anni

 

happy-b_day_low

Ieri, 16 novembre 2016, è stato festeggiato il compleanno di Transavia, un giorno importante per la compagnia: “Il nostro cinquantesimo anniversario – ha commentato Mattijs ten Brink, Managing Director di Transavia – è una data speciale per noi, poiché dimostra che la filosofia del nostro vettore e il suo modello di business hanno accompagnato i nostri clienti per cinque decadi. Qualcosa che non tutte le compagnie possono dire di se stesse. In Transavia siamo molto orgogliosi della nostra storia e siamo ansiosi di percorrere i prossimi 50 anni”.

Ripercorriamo brevemente la storia della compagnia:

Anni sessanta

50

Transavia, fondata nel 1965 con il nome Transavia Limburg S.A. opera voli charter con un DC-3. La compagnia muta poi il nome in Transavia Holland ed inizia ad operare I suoi primi voli commerciali da Amsterdam-Schiphol perg Napoli, il 16 novembre 1966. A bordo ci sono gli artisti del Balletto Nazionale Olandese. Alla fine degli anni sessanta Transavia dispone già di una flotta composta da tre DC-6, un Boeing 707 e due Caravelle.

 

Anni settanta

70

All’inizio degli anni settanta Transavia conta 550 dipendenti tra il suo staff di volo e di manutenzione, e trasporta 690.000 passeggeri. Transavia continua ad ingrandirsi ed oltre ai voli regionali opera ora voli con una Caravelle mutata in un Executive Jet da 66 posti. Questa decade, segnata dalla crisi, porta ad una maggiore standardizzazione e all’implementazione di operazioni di volo flessibili. La policy relativa alla flotta è cambiata e si basa su operazioni di leasing – un uso tutt’oggi comune in tutto il mondo – ed è uno dei fattori che portano al successo di Transavia.

 

Anni ottanta

80

Negli anni ottanta Transavia cambia la sua flotta e sceglie i Boeing 737-200 e Boeing 737-300. La compagnia è inoltre molto attiva nelle attività di leasing e noleggia i propri aeromobili, completi di staff e di servizi di manutenzione, a compagnie internazionali. In questa decade il traffico charter recupera terreno rispetto alla decade precedente e Transavia continua La sua crescita. La compagnia inizia I suoi primi voli di linea per Londra-Gatwick. Il volo è operato con un Boeing 737-200 con una classe economica flessibile e una business class: braccioli mobili tramutano i sedili di classe economica in poltrone più confortevoli di classe business. Nel 1987 Transavia trasporta il suo milionesimo passeggero e due anni dopo opera il volo di lungo raggio per Mombasa in Kenya – per la prima volta dopo gli anni settanta. Transavia Holland è ora ribattezzata Transavia Airlines.

 

Anni novanta

90

La forte domanda di destinazioni leisure intra-europee porta ad un aggiustamento della strategia di Transavia: il lungo raggio non viene più effettuato e la compagnia si concentra sulle destinazioni di vacanza europee. Inoltre, Transavia inizia a volare verso Salisburgo e Innsbruck in Austria. Incorpora inoltre diversi Boeing 757. Il 22 marzo 1999 Transavia trasporta il suo tre-milionesimo passeggero. Nel frattempo KLM Royal Dutch Airlines detiene ora la maggiore proprietà di Transavia.

 

Anni duemila

2000

Temporaneamente, Transavia opera anche voli con il nome di “Basiq Air“, un prodotto low cost. Il nome viene poi abbandonato, e transavia.com torna nuovamente ad essere centro di tutte le sue operazioni di volo. Transavia sostituisce continuamente la flotta di Boeing 737-300 con Boeing 737-800 di nuova generazione. In questo modo il vettore rinnova la sua flotta, composta da 32 aeromobili nel 2007. Anche i Boeing 757 vengono progressivamente eliminati. Negli anni duemila, Transavia si reiventa nello style non solo ridipingendo la flotta, ma anche studiando un nuovo look per la cabina e per l’equipaggio. Il forte brand di Transavia, ben noto tra i viaggiatori in Europa, si concentra sull’offerta e l’esperienze di viaggio e rafforza sempre di più il concetto di lealtà e qualità.

Dal 2010

2010

Transavia, sussidiaria del gruppo Air France-KLM, è un importante protagonista nel mercato europeo delle low cost: con basi ad Amsterdam, Rotterdam-L’Aia e Eindhoven in Olanda, Parigi, Nantes e Lione in Francia (Transavia France, TO) e la nuova base a Monaco di Baviera. Nell’estate 2016, 71 aeromobili posizionati a livello internazionale hanno trasportato circa 11 milioni di passeggeri verso 110 destinazioni in Europa e Nord Africa. L’introduzione di una nuova identità aziendale dal design fresco e moderno e dal colore verde gode di grande popolarità. Transavia attribuisce la massima importanza all’ospitalità e cordialità a bordo, nonché alle innovazioni digitali, a bordo e non: la compagnia offre un servizio clienti tramite i canali social e tramite Whatsapp. Con le sue tariffe, il Base, Plus e tariffa Max, Transavia offre pacchetti su misura per soddisfare individualmente le esigenze di ogni passeggero.

Transavia in generale

Transavia, parte del gruppo Air France/KLM, offre dalle sue sei basi in Olanda e Francia voli di linea e charter verso 110 destinazioni in Europa e Nord Africa ed è la compagnia low-cost conveniente ed accessibile in Europa che si caratterizza per lo stile attento e cordiale, il servizio e l’attenzione al digitale. Inoltre offre biglietti a tariffe convenienti per i viaggiatori sia leisure che business, abbinati a servizi aggiuntivi opzionali a pagamento. La compagnia trasporta all’anno  circa 11,5 milioni di passeggeri ed opera con una flotta moderna e attenta all’ambiente. In Olanda vola dagli aeroporti di Amsterdam Schiphol, Rotterdam/L’Aia, Eindhoven e Groningen; in Francia opera da Parigi, Nantes e Lione. La base di Monaco di Baviera, in Germania, è operativa da marzo 2016. In Italia, serve gli aeroporti di Bari, Bologna, Catania, Napoli, Palermo, Pisa, Roma, Torino, Venezia, Verona e Olbia.

(Fonte: ABC-PR Consulting, 16 novembre 2016)

(EdP-mb)