Solar Impulse 2 prosegue nel suo lungo viaggio a energia solare: atterraggio alle Hawaii dopo 5 giorni e 5 notti di volo in solitaria

0
63

La più lunga e difficile tappa del giro del mondo in volo a energia solare, è terminata con successo alle Hawaii. Ai comandi di Solar Impulse 2, alimentato esclusivamente dal sole, il pilota André Borschberg, atterrato alle Hawaii dopo 117 ore e 52 minuti di volo in solitaria sull’Oceano Pacifico, proveniente dal Giappone

Solar Impulse in atterraggio a Kalaeloa (Hawaii) con ai comandi André Borschberg dopo cinque giorni consecutivi in volo (foto Solar Impulse)
Solar Impulse in atterraggio a Kalaeloa (Hawaii) con ai comandi André Borschberg dopo cinque giorni consecutivi in volo (foto Solar Impulse)

Atterraggio storico alle Hawaii, dopo un pericoloso volo non-stop di 5 giorni e 5 notti in solitaria. Il 3 luglio scorso, con il sole sorto alle 05:55 ora delle Hawaii (15:55 GMT), Solar Impulse 2 è atterrato all’aeroporto di Kalaeloa dopo aver percorso una distanza di circa 4480 miglia (7200 km).

Bertrand Piccard e André Borschberg  riuniti alle Hawaii per celebrare insieme il  record mondiale per il più lungo volo da solista mai volato da quest'ultimo
Bertrand Piccard e André Borschberg (a dx) si sono riuniti alle Hawaii per celebrare insieme il record mondiale di quest’ultimo per il più lungo volo da solista mai volato (foto Solar Impulse)

Il pilota André Borschberg, co-fondatore di Solar Impulse assieme a Bertrand Piccard, ha infranto il record mondiale di distanza e di durata per l’aviazione solare, così come il record mondiale per il più lungo volo in solitaria, durato 117 ore e 52 minuti, con circa 7200 chilometri percorsi. Questi record mondiali saranno ratificati al momento dello sbarco dalla Federazione  Aeronautica Internazionale.  André ha affrontato molte sfide che hanno richiesto di mantenere un grande equilibrio: tra la cura che occorre per indossare la maschera per l’ossigeno per lunghi periodi di tempo durante i voli ad alta quota, il riposare a sufficienza e massimizzare i livelli di energia dell’aereo, in particolare durante le condizioni atmosferiche turbolente.

Realizzare con successo questa ottava tappa rimanendo in volo per 5 giorni e 5 notti consecutive ha dimostrato l’eccezionalità dei componenti critici del velivolo e che la visione di Solar Impulse, di raggiungere una durata illimitata senza carburante utilizzando esclusivamente il potere di il sole, non era solo un sogno: il volo perpetuo è una realtà.

«Mi sento euforico per questo straordinario viaggio. Ho scalato la quota equivalente al monte Everest cinque volte senza riposo. Il team al Mission Control Center a Monaco (MCC) era i miei occhi e le mie orecchie … Il MCC ha lottato per darmi la possibilità di riposare e recuperare, ma anche di massimizzare i livelli di energia del velivolo e inviarmi le traiettorie e le strategie di volo simulato al computer – ha dichiarato André Borschberg -. Questo successo convalida pienamente la visione che il mio compagno Bertrand Piccard aveva dopo il suo volo in mongolfiera per il giro del mondo, per raggiungere la durata illimitata su un velivolo senza carburante.»
«Quello che André ha raggiunto è straordinario dal punto di vista di un pilota. Ma, inoltre, ha anche guidato la squadra tecnica durante la costruzione di questo prototipo rivoluzionario. Non è solo una prima storica nel settore dell’aviazione è anche una prima storica per le energie rinnovabili», ha dichiarato Bertrand Piccard, ideatore del Solar Impulse, presidente e pilota.

Solar Impuls 2 in volo
Solar Impuls 2 in volo

La coraggiosa missione di Solar Impulse di costruire un aereo solare è stata avviata per dimostrare  come lo spirito pionieristico e le tecnologie innovative e pulite, siano in grado di cambiare il mondo e di incoraggiare le persone a risparmiare energia e promuovere l’uso di tecnologie pulite a livello globale.
Partiti da Abu Dhabi a marzo, gli esploratori non hanno fatto questo sforzo per il gusto di farlo; come l’umanità si trovano di fronte ad un problema molto più grande, per l’inquinamento, l’esaurimento delle risorse naturali e dei cambiamenti climatici.
Per Bertrand Piccard, il risultato è stato senza precedenti e ha dimostrato che, se le soluzioni tecnologiche esistono per pilotare un aereo giorno e notte senza carburante – il che è stato dimostrato con successo – c’è la possibilità di utilizzare queste stesse tecnologie efficienti nella vita quotidiana, per il risparmio energetico e per ridurre le emissioni di CO2.
Per proseguire con questo concetto ad un livello successivo, Solar Impulse ha avviato una campagna dal titolo “Future is Clean“, che richiede ai sostenitori di aggiungere la loro voce al messaggio su www.futureisclean.org: un sito web che serve come petizione per convincere i Governi di tutto il mondo a realizzare quanto necessario per trovare le soluzioni tecnologiche, contribuendo a far sì che le Nazioni Unite, in occasione della prossima Conferenza sui cambiamenti climatici (COP21), riescano a rinnovare il protocollo di Kyoto in dicembre, a Parigi.

In volo

Durante un tipico ciclo di 24 ore di volo, il pilota si riposa otto volte con tempi medi tra 5 e 20 minuti al giorno. Questo è possibile solo a quote più basse, quando non è richiesta la maschera d’ossigeno.
Durate il giorno i pilota assume 2,4 kg (5.2 libbre) di cibo solido, 2,5 lt. (84,5 once) di acqua e 1 lt. (33,8 once) di sport drink al giorno. I suoi pasti comprendono la prima colazione, un pranzo preparato per essere il più possibile simile ai piatti fatti in casa, e gli spuntini, tra cui frutta secca e cioccolato. La composizione nutrizionale degli alimenti varia rispetto alle altitudini e alle temperature perché i piloti richiedono più energia quando si vola ad altitudini più elevate.
Borschberg esegue yoga 30-45 minuti al giorno per mantenersi in forma e ad evitare i potenziali effetti negativi di immobilità.
Bertrand Piccard intanto prosegue il volo per Phoenix, per la prossima tappa, e poi sarà a New York,  in Europa e infine ad Abu Dhabi dove tutto è cominciato.

(Ufficio Stampa Solar Impulse 2)
(EdP-mb)