Marina Militare: la portaerei Cavour rientrata a Taranto dopo Campagna “Ready for Operations” negli USA

Ad accoglierla il Sottosegretario di Stato alla Difesa senatrice Stefania Pucciarelli

Taranto – La portaerei Cavour della Marina Militare ha fatto rientro la mattina del 30 aprile a Taranto nella stazione navale Mar Grande terminando così, dopo tre mesi, la Campagna Ready for Operations (RFO). La nave è stata “salutata” in Mar Jonio dal cacciatorpediniere Andrea Doria, dalla nave anfibia San Giusto e dal sommergibile Prini.
La nave ammiraglia della Squadra Navale grazie alla campagna RFO ha avviato con pieno successo le attività fondamentali nel percorso di qualificazione ad impiegare il nuovo sistema d’arma costituito da velivoli di quinta generazione, gli F-35 nella versione B, a decollo corto e appontaggio verticale.
Questa portaerei rappresenta la massima espressione del potere marittimo e della naval diplomacy di una Nazione. La capacità portaerei è indicativa del rango internazionale del Paese ed è il pilastro della capacità di proiezione sul mare e dal mare.” Così il Sottosegretario di Stato alla Difesa, senatrice Stefania Pucciarelli, che ha accolto nave ed equipaggio in rappresentanza del Ministro della Difesa, accompagnata dal capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, e dal comandante in capo della Squadra Navale, ammiraglio Paolo Treu.
Gli importanti risultati ottenuti in collaborazione con gli Stati Uniti d’America, nel corso delle attività appena terminate costituiscono un fondamentale passo per la Marina Militare che inizierà a sostituire gli AV-8B Plus Harrier, oramai arrivati alla fine del ciclo di vita operativa, e che punta a conseguire, entro il 2024, la Initial Operational Capability. Soddisfatto il Capo di stato maggiore della Marina, ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone: “La campagna Ready for Operations si è conclusa con la piena realizzazione degli obiettivi inizialmente proposti e ha portato al conseguimento da parte della Naval Air System Command – autorità certificatrice americana – dell’autorizzazione all’impiego del F35-B a bordo della portaerei Cavour”. L’iter sarà completo con l’acquisizione della Final Operational Capability con la consegna dell’ultimo velivolo.
La campagna Ready for Operations della Cavour, rappresenta un successo di rilevanza strategica per la Marina Militare, la Difesa ed il Paese, che rafforza ulteriormente il legame transatlantico con gli Stati Uniti, così come affermato dal ministro della Difesa, onorevole Lorenzo Guerini, in occasione del saluto all’equipaggio alla partenza della portaerei da Taranto: “Si tratta certamente di un’attività di natura tecnico-operativa – ha detto il ministro Guerini dal ponte di volo della portaerei- ma con risvolti importanti sul piano strategico-militare per la Difesa e per il Paese nel panorama internazionale. Un risultato che non sarebbe stato raggiunto senza la tenacia, la professionalità, l’abnegazione di donne e uomini che credono fortemente nella loro professione e nella loro missione, pronti a dimostrare le loro capacità in ogni occasione, generosi e straordinari professionisti del Mare”.
Durante le Sea Trials, svolte in Oceano Atlantico a largo della East Coast degli Stati Uniti, due velivoli F-35B americani equipaggiati per le attività di test, imbarcati sulla Cavour, hanno portato a compimento tutte le prove previste, effettuando oltre 50 missioni di volo, in diverse condizioni meteo e stato del mare, attività notturne, circa 120 appontaggi verticali e altrettanti decolli corti con l’ausilio dello ski jump, nonché prove di decollo verticale. Le attività di prova in mare hanno richiesto un enorme impegno dei team impegnati tanto sul ponte di volo e in hangar della portaerei quanto nei locali operativi dell’Unità, da dove sono state gestite le attività di volo. A bordo della portaerei si è realizzata una straordinaria integrazione tra il personale italiano e americano, un vero valore aggiunto per far sì che le delicate attività di decolli e appontaggio degli F-35B fossero condotte in sicurezza ottenendo il massimo dell’efficacia.
La campagna RFO, durata tre mesi nei quali la nave ha percorso oltre 15mila miglia marine, ha affermato con forza il legame di cooperazione con la US Navy e il Corpo dei Marines.
Oltre alle sessioni addestrative condotte nel mese di febbraio con il cacciatorpediniere americano Stout e un aereo da pattugliamento marittimo, di grande impatto è stata anche l’attività con la portaerei Gerald Ford, unità statunitense della nuova e omonima classe a propulsione nucleare.
La portaerei Cavour ha condotto anche attività di certificazione del ponte di volo per operare con il convertiplano MV-22 “Osprey” in forza ai Marines. Il velivolo MV-22 “Osprey” è un velivolo plurimotore, a doppio pilotaggio, con capacità di decollo e appontaggio verticale grazie ai rotori basculanti, progettato per missioni di supporto a operazioni speciali. La funzione primaria del velivolo è il trasporto d’assalto anfibio di truppe, attrezzature e rifornimenti per unità navali dotate di ponte di volo e basi a terra. Un altro tassello aggiunto alle capacità di proiezione sul mare e dal mare.

(un click sulle foto per ingrandire)

(Fonte e foto: MARINA MILITARE Ufficio Pubblica Informazione e Comunicazione)
EdP-mb/ct

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here