Lotta agli incendi boschivi in ​​Europa: come funziona

Flag_of_EuropeOgni anno ci sono devastanti incendi boschivi in ​​Europa, che distruggono migliaia di ettari di foreste. Anche se i paesi del Sud Europa sono a più alto rischio, nessun paese europeo è immune. Quando il fuoco diventa troppo grande per un paese per spegnerlo da solo, il meccanismo di protezione civile dell’Unione europea può essere attivato per garantire una risposta coordinata.

Risposta comune e coordinata

Quando le capacità nazionali per rispondere agli incendi boschivi sono superate, i paesi europei mostrano solidarietà inviando assistenza sotto forma di aerei per bombardamenti d’acqua, elicotteri, attrezzature antincendio e personale.

L’Emergency Response Coordination Centre (ERCC) è il Centro di Coordinamento della Risposta all’Emergenza della Commissione europea, che coordina l’assistenza a livello comunitario in caso di calamità e garantisce l’efficienza e l’efficacia degli aiuti. Il meccanismo di protezione civile dell’UE può anche essere utilizzato per facilitare e co-finanziare il trasporto dell’assistenza per l’area interessata.

Pronti per la stagione degli incendi boschivi

L’ERCC sta monitorando attivamente il rischio di incendi boschivi e l’incidenza in tutta Europa. Esso utilizza i servizi nazionali di controllo e strumenti come il Fire System European Forest Information (EFFIS), che fornisce una panoramica dei dati che i paesi europei raccolgono attraverso i loro programmi sugli incendi boschivi nazionali.

Prima della stagione degli incendi boschivi, la ERCC organizza incontri con tutti gli Stati che partecipano al meccanismo di protezione civile dell’UE al fine di avere uno scambio di informazioni sullo stato di preparazione per la prossima stagione di incendi boschivi.

Nel periodo estivo, la ERCC organizza videoconferenze settimanali con i paesi ad alto rischio di incendi boschivi: Croazia, Francia, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna.

Inoltre, gli esperti degli Stati che partecipano al meccanismo di protezione civile dell’UE sono distaccati presso l’ERCC ogni estate. Non solo contribuiscono al lavoro complessivo dell’ERCC, ma anche mantengono contatti regolari con le autorità nazionali di protezione civile; un aspetto importante in caso di attivazione del meccanismo di protezione civile dell’UE.

Affrontare gli incendi boschivi

Il meccanismo di protezione civile dell’Unione europea è stato attivato 15 volte (sia come pre-allarme a causa di una richiesta di assistenza) nelle ultime tre estati a seguito di incendi boschivi all’interno e all’esterno dell’Europa. Durante la stagione degli incendi boschivi del 2012 ci sono state nove richieste di assistenza e una di pre allarme da parte di: Bulgaria, Montenegro, Albania, Slovenia, Bosnia-Erzegovina, Grecia e Portogallo che hanno chiesto supporto aereo e la Spagna che ha aperto un procedimento di pre allarme. Nel 2013, il meccanismo era stato attivato per rispondere alle richieste di assistenza per incendi boschivi in ​​Bosnia-Erzegovina e in Portogallo e per un pre-allarme in Bulgaria. Nel 2014, il meccanismo di protezione civile dell’UE è stato attivato a seguito di una richiesta di assistenza da parte di Svezia e Grecia e per un pre-allarme in Norvegia. L’ERCC ha attivato anche il servizio di mappatura satellitare Copernico dell’UE, in caso di emergenze legate agli incendi boschivi.

A proposito del meccanismo di protezione civile dell’UE

Il meccanismo di protezione civile dell’UE, in caso di catastrofe, facilita la cooperazione  tra i 33 Stati europei (28 Stati membri dell’UE, FYROM, Islanda, Montenegro, Norvegia e Serbia). Questi stati partecipanti mettono in comune le risorse, che possono essere rese disponibili ai Paesi colpiti dalle calamità in tutto il mondo.  Dal suo lancio nel 2001, il meccanismo di protezione civile dell’UE ha monitorato oltre 300 disastri e ha ricevuto più di 200 richieste di assistenza: è intervenuto anche in alcuni dei disastri più devastanti del mondo, tra cui le inondazioni in Serbia e Bosnia-Erzegovina (2014), l’epidemia di Ebola in Africa occidentale (2014), il conflitto in Ucraina (2014) e il terremoto in Nepal ( 2015).

(Ufficio Stampa Commissione Europea, 17 luglio 2015)

(EdP-mb)