Iniziata “Mare Aperto 2016”

E’ la principale esercitazione a guida della Marina Militare italiana con la partecipazione interforze dell’Esercito Italiano e dell’Aeronautica Militare

8554bpsaacundch2128kbps83

E’ iniziata il 15 novembre e terminerà il 25 novembre “Mare Aperto 2016“, la più importante esercitazione della Marina Militare, in cui navi, aerei, forze anfibie e sommergibili, provenienti da tutte le basi navali italiane, si addestreranno nel Mediterraneo centrale sotto la direzione del Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio di Squadra Donato Marzano, a bordo della portaerei Cavour.

Per dieci giorni uomini e donne imbarcati sulle navi della Marina Militare svilupperanno temi addestrativi nelle principali forme di lotta quali la difesa anti-aerea, antisommergibile e antinave, il contrasto alle attività illegali sul mare e la gestione di situazioni di crisi in scenari di minaccia convenzionale e asimmetrica.

0b5tyc0oManovre cinematiche ravvicinate, difesa della forza navale da attacchi aerei e da sommergibili, gestione delle emergenze di bordo, proiezione di una forza anfibia dal mare su terra, caratterizzeranno questa attività che permetterà nel contempo di rinforzare la sorveglianza marittima in una vasta area del Mediterraneo.

La Mare Aperto 2016 vede la partecipazione interforze di una forza anfibia composta sia dai Fucilieri di Marina della Brigata Marina San Marco che da militari del Reggimento Lagunari Serenissima, del 3° Regimento Bersaglieri dell’Esercito e degli aerei dell’Aeronautica Militare.

La caratteristica interforze della Mare Aperto, rafforza le competenze, le specificità, le peculiarità, la preparazione che connotano l’esperienza pregressa dello strumento terrestre, marittimo e aereospaziale quale fattore abilitante e moltiplicatore di potenza.

L’addestramento congiunto della Marina Militare con le componenti delle altre Forze Armate italiane ha l’obiettivo di migliorare i livelli di efficacia e prontezza operativa e favorire il processo di integrazione sempre più necessario e indispensabile per assicurare la difesa degli interessi nazionali, ovunque essi siano nel mondo.

L’evento addestrativo vede la partecipazione di circa 3000, tra uomini e donne e 16 navi, tra cui la portaerei Cavour, oltre a sommergibili, aerei AV8B ed elicotteri, più le già citate componenti dell’Esercito Italiano e dell’Aeronautica Militare.

(Fonte: Ufficio Stampa Marina Militare, 17 novembre 2016) Foto: Marina Militare

(EdP-mb-ct)