Il generale Antonio Bettelli, comandante dell’Aviazione dell’Esercito, nominato socio onorario dell’Aero Club “F.Baracca” di Lugo

0
101
SAMSUNG CSC

La cerimonia avvenuta in occasione dell’assemblea dei soci

di Massimo Baldifoto: Oriano Callegati

SAMSUNG CSC
Il generale Antonio Bettelli (a sx) riceve dall’avvocato Giovanni Baracca la pergamena di Socio Onorario

Un’assemblea dei soci dell’Aero Club “Francesco Baracca” di Lugo che quest’anno è stata davvero speciale. Lo scorso venerdì 20 novembre, nei locali dell’aeroporto di Villa San Martino di Lugo, si è tenuta l’assemblea per la presentazione del bilancio preventivo 2016, a cui hanno partecipato numerosi iscritti al sodalizio. La serata è stata allietata da una presenza d’eccezione: come ospite d’onore è intervenuto il generale di divisione Antonio Bettelli, comandante dell’Aviazione dell’Esercito, amico di vecchia data dell’aeroclub lughese e del suo presidente avvocato Giovanni Baracca, fin dai tempi di Eliexpo 2006 e da quando era comandante della Brigata Aeromobile “Friuli”, con cui il club è gemellato. Presenza speciale per un’occasione altrettanto speciale, la nomina ufficiale del generale Bettelli a Socio Onorario del sodalizio.

Anche chi vi scrive, nell’occasione, ha ricevuto dal presidente Baracca, in qualità di editore del nostro portale web, una pergamena incorniciata e il libro di Luciano Pontolillo “Più Cento”, come riconoscimento per aver raggiunto e superato il 20 novembre scorso, in meno di un anno, il traguardo delle 100mila visualizzazioni del nostro giornale on-line “L’eco della pista“. Risconoscimento da condividere con chi collabora alla realizzazione di questa rivista.

L'assemblea dei soci dell'Aero Club di Lugo
L’assemblea dei soci dell’Aero Club di Lugo

Dopo questa breve premessa, diamo spazio al discorso dell’avvocato Giovanni Baracca e ai momenti più importanti serata:

«Cari soci, collaboratori ed amici,  iniziando questa nostra riunione voglio presentarvi il generale di divisione Antonio Bettelli amico del nostro aero club fin dai tempi di Eliexpo 2006, anno nel quale lo conoscemmo come comandante del 66° rgt Fanteria di Forlì, unità facente parte della Brigata Aeromobile Friuli, brigata allora al comando del compianto amico generale Giangiacomo Calligaris. Oggi Antonio è comandante dell’Aviazione Esercito dal 10 settembre 2014. Una splendida carriera incominciata nel 1984, anno in cui è uscito dall’Accademia Militare di Modena che lo ha portato, attraverso tutti i gradi di comando delle unità semplici dell’Esercito Italiano, fino al 32° Corso Piloti di Elicottero dell’Esercito di Viterbo. In veste di pilota di elicottero ha prestato servizio presso il 54° gruppo squadroni AVES “Cefeo” di Bolzano: non per sfiducia nel mezzo, ma per pura passione nel 1996 ha conseguito anche il brevetto di Paracadutista Militare. La carriera lo ha portato poi negli Stati Uniti in rappresentanza dell’Esercito Italiano presso l’US Army Aviation Center di Fort Rucker in Alabama (USA), dove ha frequentato l’Air Assault Course presso la 101^ Airborne Division di Fort Campbel nel Kentucky (USA). Nel 2003 ha assunto l’incarico di Capo di Stato Maggiore della Brigata Aeromobile “Friuli” in Bologna e nel 2004 ha ricoperto l’incarico di Chief of Staff dell’Italian Joint Task Force Iraq a Nassiryah nell’ambito dell’Operazione “Antica Babilonia”. Nel 2008 ha assunto l’incarico di Addetto per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia in Libano fino al settembre 2011, dove è tornato nel 2012 questa volta come comandante della Brigata Aeromobile “FRIULI” alla guida della Joint Task Force – Sector West in Libano, durante l’operazione “LEONTE XIII”, dal novembre fino al maggio 2013. Dal 10 settembre 2014 è il Comandante dell’Aviazione dell’Esercito. Il Gen. Bettelli, infine, ha conseguito il Deutsches Sportabzeichen, onorificienza della Repubblica di Germania per meriti sportivi, di livello Oro ed è stato nominato pruefer (certificatore) per la stessa disciplina dal Deutscher Olympischer Sportbund (Ente Sportivo Federale Tedesco). È sposato con la Signora Anna e ha tre figli, Lorenzo, Sofia ed Elisa.»

Al termine della presentazione, l’avvocato Baracca ha consegnato al generale Bettelli la pergamena incorniciata di Socio Onorario, il Crest dell’AeCLugo, con le insegne di Francesco Baracca e il libro “L’idea meravigliosa di Francesco Baracca” di Vincenzo Ruggero Manca.

Subito dopo ha preso la preso la parola il generale Bettelli per i rigraziamenti:

SAMSUNG CSC
Il generale Bettelli durante il suo discorso

«Sono innanzitutto sorpreso, stupito ed estremamente gratificato di questa accoglienza e dell’onore che mi avete concesso di entrare a far parte come socio onorario di questo autorevolissimo consesso. Autorevolissimo per la leggenda insita nel nome dell’aeroclub di cui il presidente è erede di fatto e per l’autorevolezza che l’Aero Club di Lugo ha nel volo, soprattutto nel volo dell’ala rotante che è la componente prioritaria della nostra Aviazione dell’Esercito. Abbiamo qualche aereo, ma in realtà voliamo con gli elicotteri. Sono estremamente onorato e cercherò di essere all’altezza di questo onore che mi avete riconosciuto nel difendere il valore dell’Aero Club nei riguardi del volo da diporto, nei risvolti che questo ha sulla professionalità legata al volo, e per il legame che ci unisce nel ricordo che tu hai menzionato – rivolgendosi all’avvocato Baracca – dell’indimenticato e compianto e insostituibile Giangiacomo Calligaris.

Questi oggetti li serberò tra quelli più importanti; ce ne sono pochi e sono quelli che normalmente appendo sulla scrivania di casa. Il mio eroe personalmente non è Francesco Baracca, anche se dovrebbe esserlo, per certi aspetti, ma è un colonnello americano, che si chiama Joshua Lawrence Chamberlain, uno degli eroi della battaglia di Gettysburgh durante la Guerra Civile americana, che tenne il fronte nordista difendendo il fianco sinistro di una collina lanciandosi con le baionette innestate e le spade sguainate contro i confederati che stavano attaccando in modo preponderante, e con un gesto clamoroso e totalmente inaspettato respinse definitivamente l’attacco sudista mantenendo la difesa del fronte. Dovrò necessariamente affiancare a questo mio personale eroe anche Francesco Baracca per il significato che Francesco Baracca ha per l’Aero Club e, credo da oggi di poter dire, per la nostra amicizia.»

Al termine del discorso del generale Bettelli ha ripreso la parola l’avvocato Baracca:

«A questo punto voglio festeggiare con voi e con Massimo Baldi l’importante risultato delle 100.000 visualizzazioni del sito Eco della Pista… voluto fortemente da Massimo in sostituzione del cartaceo che creò oltre un lustro fa, il sito Eco della pista oggi non è solo l’organo di informazione del nostro Aero Club, ma è divenuto una testata aeronautica online. Grazie Massimo per questo risultato

«Prima di illustrarvi il programma permettetemi di ringraziare anche a nome del Consiglio il personale del nostro Aero Club, segreteria, ATO-IT0035; PART 145; CAMO e Cavallino Rampante. Personalmente ringrazio il Consiglio che è sempre disponibile ad assecondare le mie idee ed ha accettato di esser parte attiva nel processo decisionale, diventando un organo propositivo e soprattutto realizzatore delle idee approvate. Le discussioni, a volte divaganti, ma contenute sempre nell’ambito dell’ordine del giorno, hanno permesso di sveltire e velocizzare l’attività. L’aver collaboratori informati, anziché da informare, ha fatto la differenza. Perciò ringrazio tutti per quanto avete ideato, fatto e portato a termine nel 2015, manifestazioni ed iniziative che saranno riprese anche nel 2016 visto il successo che hanno ottenuto.»

Subito dopo il presidente Baracca ha  dato inizio ai lavori veri e propri dell’assemblea:

«Il preventivo del 2016, che è stato studiato ed approvato dal consiglio direttivo, e che stasera vi sottoponiamo ha la caratteristica di essere il tentativo che questo sodalizio oppone alla persistente e purtroppo crescente crisi che sta coinvolgendo non solo il mondo del volo, ma anche la società civile. In un momento storico nel quale si afferma che la povertà è in aumento e soprattutto la sicurezza sociale è violata da ondate terroristiche che generano una paura collettiva alla quale la prima reazione è sempre l’interdizione al “sorvolo” – vedi Expo ed ora Roma – diventa sempre più difficile avvicinare giovani al nostro mondo ed al mondo della scuola elicotteri.  Non vi nascondo che all’inizio del mese di ottobre si era delineata una situazione molto preoccupante che avrebbe imposto soluzioni radicali, se non definitive, situazione che pare oggi risolversi con l’avvio di un nuovo corso della scuola elicotteri per 5 allievi… sarà il vento positivo che ha portato lunedì sera l’ammissione al club della socia-pilota più giovane Sara Vecchi… anno 1997. Della situazione degli altri Aero Club non ne parlo, perchè la immaginate, ma sappiate che vi sono isole felici e noi, fino a che ENAC ci lascerà qui siamo in una di queste.»  Dell’Aero Club d’Italia non parlo… il lavoro da mettere in campo è tale e tanto che ci vorranno anni per poterlo delineare: ho detto proprio delineare, non certo fare, poiché le criticità aumentano sempre più e le risorse scarseggiano sempre di più, basta ricordare che all’assemblea dello scorso ottobre all’AeroClub d’Italia è stato presentato il seguente preventivo:

PREVISIONI DI COMPETENZA 2016
DESCRIZIONE ENTRATE SPESE Disavanzo (-)/Avanzo (+)
Movimento finanziario corrente 3.521.604,00 3.148.897,74 + 372.706,26
Movimento in c/ capitale 65.000,00 437.706,26 – 372.706,26
Movimento per partite di giro 1.325.000,00 1.325.000,00 0
TOTALI 4.911.604,00 4.911.604,00 0

Il preventivo 2016 che stasera vi presentiamo prevede costi per € 1.094.015,00 ricavi per € 1.044.950,00 con un disavanzo di € 49.065,00. Tolte le partite di giro, come potete vedere i volumi di AeCI sono solo il doppio dei nostri… e se l’organo centrale ha un bilancio di poco superiore al nostro, questo la dice lunga sul mondo dell’aviazione generale e del VDS, chiarendo così molti dubbi. I numeri che si evidenziano segnalano da un lato la forte dipendenza di tutta la struttura dalla presenza di allievi nella scuola elicotteri e dall’altro lato la necessità di aumentare le ore volate da parte dei soci.

Quanto all’ALA FISSA: il picco negativo è stato nel 2013: abbiamo la concorrenza di altre scuole di volo vicine nonché ed ancora l’orientamento degli appassionati verso il volo VDS, mondo che sta comunque entrando in crisi.  Ad ogni buon conto i dati relativi alle ore volate sono:

2010 ore volo 1.342: ricavi €. 211.000;
2011 ore volo 1.120: ricavi €. 166.000;
2012 ore volo 663: ricavi €. 121.000;
2013 ore volo 502: ricavi €. 94.000;
2014 ore volo 584: ricavi €. 101.000;
2015 ore volo 457 al 31/10 ricavi €. 88.000

Come detto da sempre i ricavi del settore ala fissa sono in grado di co­prire solo parte dei costi fissi del sodalizio. Oltre al velivolo ultraleggero Texan, la flotta di aerei ad ala fissa è composta da 8 velivoli di aviazione genera­le. Ora se dal punto di vista della sicurezza e della cura gli aeromobili sono di ottimo livello, gli stessi si presentano per certi versi obsoleti dal punto di vista dell’attrazione. Questo ha indotto il Consiglio a valutare la cessione di alcuni aerei al fine di ammodernare la flotta anche con l’acquisto di nuovi mezzi. A questo proposito, a breve, l’Aero Club d’Italia annuncerà un nuovo piano rinnovo flotta al quale potremmo aderire.

ALA ROTANTE: anche l’ala rotante ha subito negli anni un calo del fatturato come si evince dalla tabella che segue:

– 2010 ore volo 1.008 ricavi € 450.000;
– 2011 ore volo 646 ricavi € 300.000;
– 2012 ore volo 476 ricavi € 230.000;
– 2013 ore volo 1.022 ricavi € 460.000;
– 2014 ore volo 868 ricavi € 400.000;
– 2015 ore volo al 31/10 375 ricavi circa € 175.000.

Come detto il calo di ore volo dipende dal minor numero degli allievi che frequentano la scuola. A questo proposito abbiamo messo in campo azioni a forte contenuto pubblicitario sui social network: cercheremo di esser maggiormente presenti su faceboock e youtube con filmati ed altro. Compariremo anche sul sito dell’Aero Club d’Italia o almeno questo è ciò che ho chiesto e ciò che il Direttore generale mi ha assicurato. Infine abbiamo maggiormente coinvolto le scuole limitrofe inviando ai dirigente un POF (Piano Offerta Formativa, ndr) che delinea non solo l’offerta formativa della nostra scuola, ma anche ipotesi di nuove ed inedite collaborazioni. Ma tutto questo influisce anche sulla necessità di contenere al massimo i costi: su tale fronte il Consiglio direttivo sta valutando le opportunità di contenimento e riduzione costi che possano mettere al sicuro il nostro sodalizio.

Quanto, infine alla Cavallino Rampante srl, sorta come sussidio all’attività didattica e finanziaria dell’Aero Club, registriamo un andamento delle ore vendute oggi nuovamente in crescita:
– Anno 2011: 365 ore;
– Anno 2012: 766 ore;
– Anno 2013: 914 ore;
– Anno 2014: 316 ore;
– Anno 2015: 410 ore vendute al 31/10/ 2015.

Anche per questo settore abbiamo messo in campo azioni volte a recuperare non solo il personale dei Vigili del Fuoco, ma anche della Forestale e soprattutto stiamo cercando di aprici all’Aeronautica Militare: in questo giorni abbiamo preso contatto con il sottocapo di stato maggiore e con i reparti competenti.

Prospettive per il futuro

Ad oggi quindi l’attività di volo prevista e già consolidata per il 2016 è di : 550 ore di volo su ala fissa;   550 ore di volo su elicottero;    467 ore di simulatore.

I programmi 2016

Il calendario sportivo:

– 9 e 10 Aprile 2016, gare di aeromodellismo;
– 4° Speed Cap; 2° Acro Cap e 4° Racing Cup;
– 30 Aprile e 1 maggio 2016, gara di aeromodellismo 6° LUGO F3K;
– 12 Giugno 2016, gara di aeromodellismo F5B Cup
– 18-19 giugno 2016, 47°giro di Romagna, o come date alternative l’11 e 12 giugno 2016 fissando sia una gara di regolarità sia una gara di velocità.
– 12 Agosto 2016, Mondiali di Aeromodellismo. – 3 settembre 2016, 53° Coppa D’Oro.

Campionati mondiali F5B e F5D Su proposta dell’Aeroclub monospecialistico Aeromodellistico VO.L.I. di Torino, il Consiglio ha deliberato di ospitare sul nostro sedime il campionato mondiale di categoria F5B e F5D che verranno organizzati nell”agosto 2016.

Manifestazioni aeree  Dal punto di vista delle manifestazioni aeree ci siamo proposti come organizzatori di un evento nel 2016 per il quale abbiamo chiesto l’intervento della PAN. Organizzeremo ancora la giornata F4J in memoria di Mauro Baldazzi: quest’anno purtroppo è andata male a causa del maltempo.

ENAC  Infine una segnalazione in materia di Safety e sicurezza. Come richiesto dal nuovo Regolamento (UE) 376/2014, dal 15 novembre sarà obbligatorio segnalare all’ENAC un’ampia tipologia di eventi. Sul punto cercheremo di organizzare al più presto un momento formativo.

Immobili e concessione  Per la casetta ex foresteria dopo le indagini geologiche che abbiamo fatto, necessarie per riuscire ad avviare un colloquio con ENAC, nulla abbiamo ottenuto. Più complessa è la vicenda della concessione che attualmente prevede la negazione dell’abbattimento del canone e quindi la riassegnazione a canone intero: sul punto AeCi sta assistendo molti Aero Club nelle vertenze aperte al TAR per la contestazione dei canoni

Al termine del discorso Giovanni Baracca, ha ceduto la parola al Consigliere Oriano Callegati che ha dato lettura delle singole voci del bilancio preventivo.

In chiusura il presidente Giovanni Baracca ha chiesto ai soci di votare il bilancio di previsione 2016, che è stato approvato con soli tre voti astenuti.

(EdP-mb) 30 novembre 2015