Covid-19: DHL Global Forwarding Italia incrementa i servizi di spedizione per USA, Australia e Nuova Zelanda

Foto DHL per Pixabay

Attivato un servizio di trasporto combinato AIR-SEA per il Sud Pacifico e rafforzati i collegamenti con gli Stati Uniti per garantire la continuità internazionale della supply chain

(Tempo di lettura: 01′:30″)


Milano – A seguito delle restrizioni governative adottate per l’emergenza Covid-19, DHL Global Forwarding (ndrDHL è il leader mondiale nel settore della logistica) ha deciso di rafforzare i propri servizi di trasporto aereo e marittimo da e verso i principali hub statunitensi e del Sud Pacifico (Australia e Nuova Zelanda), così da garantire la continuità della supply chain a livello globale.
Per continuare le connessioni con l’area del Sud Pacifico, DHL Global Forwarding ha attivato il servizio di trasporto combinato AIR-SEA per l’Australia e la Nuova Zelanda: nodo di interscambio è Singapore, con programmazione di spedizioni plurisettimanali nelle principali destinazioni commerciali: Sidney (25 giorni), Perth (17 giorni), Melbourne (24 giorni), Brisbane (20 giorni) e Auckland (26 giorni).
La continuità dei collegamenti con gli Stati Uniti è invece garantita da un rafforzamento dei servizi AirFreight Charter e Ocean Connect LCL. DHL Global Forwarding ha avviato servizi Charter con programmazione plurisettimanale sugli aeroporti di New York, Chicago e Cincinnati e rafforzato le linee marittime LCL con partenze settimanali verso gli hub di New York, Chicago, Charleston, Miami, Houston e Los Angeles. Nello specifico, il programma prevede due collegamenti settimanali con Chicago ORD, un volo su NewYork JFK e uno su Cincinnati CVG. Le destinazioni interne USA sono servite da Chicago ORD e New York JFK con collegamenti via terra.
Una volta arrivati agli hub di riferimento, le merci vengono smistate via terra alle rispettive destinazioni finali, con la possibilità di velocizzare i tempi di consegna dai gateways con l’opzione “expediting”, un servizio premium da integrarsi al programma Ocean Connect LCL che dà la priorità alle merci selezionate per velocizzare i tempi di delivery.
Per far fronte all’emergenza Coronavirus, abbiamo deciso di rafforzare alcuni nostri servizi in modo da rendere quanto più continuativo possibile il flusso della supply chain di tutti i mercati globali” afferma Giulio Serra, Head of Marketing, Communication and Strategic Business Development di DHL Global Forwarding Italia. “Il trasporto combinato Air-Sea verso l’area del Sud Pacifico, così come il rafforzamento di alcuni servizi da e verso gli Stati Uniti, sono solo alcune delle soluzioni che abbiamo intrapreso per facilitare le operazioni dei nostri clienti e garantire il flusso delle merci dei principali mercati.

(Fonte: DAG Communication – Ufficio Stampa DHL)

EdP-mb