Con “Aria SaNa” dati in tempo reale su qualità ambiente (ANSA)

0
39

Sky Arrow Era(ANSA) – NAPOLI, 19 DIC – Aerei leggeri per monitorare la qualità dell’aria, una rete di monitoraggio costante delle condizioni urbane. E’ AriaSana, progetto della Regione Campania, insieme con il Cnr, del quale oggi sono stati presentati i primi risultati. A cominciare dal sito che, costituito nell’osservatorio storico dell’Università Federico II in largo san Marcellino, rappresenta lo stato dell’arte nell’osservazione del metabolismo urbano. E’ una misura con cadenza semioraria le emissioni e le concentrazioni degli inquinanti e gli scambi di energia del centro cittadino di Napoli. L’Osservatorio è dotato di stazioni fisse e mobili che monitorano il territorio. Le prime trasmettono in tempo reale le concentrazioni degli inquinanti e sono state confrontate con le stazioni ufficiali per poi essere collocate strategicamente in luoghi di particolare interesse e rilevanza quali le isole del golfo, il Vesuvio, i porti, la penisola sorrentina. Le stazioni mobili, invece, sono sistemi miniaturizzati installati su autobus urbani (attualmente linee 151 e 180 di Napoli), treni locali (circumvesuviana tratte Napoli-Sorrento, Napoli-Acerra-Pomigliano e Napoli-Sarno; Circumflegrea; metro Piscinola-Aversa); biciclette a pedalata assistita. L’intero sistema è dotato anche di una flotta aerea, costituita dai velivoli Sky Arrow Era di Isafom e da altre piattaforme aeree rese disponibili dalla Valar. Gli Era effettuano mensilmente campagne intensive di una settimana su centri urbani, distretti industriali, arterie stradali, aree portuali ed in generale su territori di particolare rilevanza o interessati da emergenze ambientali.

“Il progetto Aria SaNa mette la Campania al passo con le direttive europee del 200 che hanno cambiato il sistema di monitoraggio – ha detto Giovanni Romano, assessore regionale all’Ambiente – E’ partito nel 2013 e i risultati di questo primo anno consentono di assolvere al compito di fornire ai cittadini informazioni costanti sulle reali condizioni dell’aria”. Romano ha ricordato che i monitoraggi vengono effettuati con “sonde di nuova generazione, montate su aerei del Cnr, attrezzati per alzarsi in volo anche in caso di emergenza”.