Oggi:

  • Faro_del_Monte_Serra 472Wikimed. comm Daniele Napolitano

    40 anni dalla tragedia del Monte Serra: Marina e Aeronautica unite nel ricordo

    0

    Giovedì 3 marzo 1977, alle ore 15:05, decollava dall’aeroporto di Pisa “Vega 10”, un C-130 della 46ª Aerobrigata con a bordo 38 allievi della prima classe dei corsi normali dell’Accademia Navale di Livorno per un volo di ambientamento, con l’ufficiale accompagnatore Emilio Attramini e cinque membri dell’equipaggio. Per cause ancora sconosciute, pochi minuti dopo il decollo, l’aereo impattava sulle pendici del Monte Serra: non ci furono superstiti. Lo stesso anno, a bordo della Nave scuola Amerigo Vespucci, gli allievi della prima classe sopravvissuti a questa tragedia scelsero come nome “Invicti”: mai vinti e mai divisi. Venerdì 3 marzo 2017, esattamente quarant’anni dopo, il ricordo è ancora vivo ed indelebile. Per questa ricorrenza particolarmente sentita ed emozionante, le tradizionali commemorazioni hanno visto quest’anno la presenza del capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di Squadra Valter Girardelli, al fianco delle autorità civili, religiose e militari. Particolarmente toccante la Santa Messa nella chiesa parrocchiale di Calci, gremita di familiari delle vittime – guidati dal presidente dell’Associazione Caduti del Monte Serra, Nicolo’ Tomatis – di appartenenti al Corso Invicti e di rappresentanze delle associazioni combattentistiche e d’Arma. Il momento più solenne è stato rappresentato la deposizione delle corone di alloro presso il Sacrario-Faro,...

Scroll To Top